Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

Coronavirus, Visita del Sindaco Costantini all’Ospedale di Giulianova con il medico della task force Covid della Asl di Teramo Calafiore

20/04/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, Visita del Sindaco Costantini all’Ospedale di Giulianova con il medico della task force Covid della Asl di Teramo Calafiore

Il sindaco ha voluto verificare la situazione dei ricoveri ed accertare la sicurezza dell'ospedale anche per degenti no covid

Questa mattina il Sindaco Jwan Costantini ha fatto visita all’Ospedale di Giulianova “Maria SS dello Splendore”, accompagnato dal Presidente del Consiglio Paolo Vasanella, dal dottor Paolo Calafiore della task force di medici della Asl di Teramo per l’emergenza Covid-19 e dal responsabile del Pronto Soccorso ed OBI Carmine Galiè. Con l’occasione il primo cittadino si è interfacciato con i primari ed i responsabili dei vari reparti, per tracciare un quadro specifico sull’attuale situazione dei ricoveri e studiare un percorso alternativo che garantisca la tutela dei degenti non sospetti Covid. “Con i primari ed il dottor Calafiore della task force della Asl si è pensato di strutturare i ricoveri secondo due percorsi differenti – dichiara il Sindaco Jwan Costantini – uno per pazienti sospetti Covid e l’altro per coloro che hanno necessità di ricoverarsi per altre patologie. Tutto questo per evitare qualsiasi tipo di contatto e scongiurare ogni possibilità di contagio. Ribadiamo quindi che il nostro ospedale continua a garantire i servizi sanitari e coloro che ne hanno bisogno possono usufruirne, in totale sicurezza”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.