Mercoledì 27 Maggio 2020

Cronaca

Coronavirus, il Rotary Club Lanciano dona sistema di monitoraggio alla Rianimazione del "Renzetti"

09/04/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, il Rotary Club Lanciano dona sistema di monitoraggio alla Rianimazione del "Renzetti"

Il Carescape One è stato consegnato dal presidente Alberto D'Alessandro al direttore unità operativa di anestesia e rianimazione Daniela Travaglini

Un piccolo gioiello tecnologico, flessibile e completo, che permette di compiere un salto in avanti nel monitoraggio dei pazienti critici. Si chiama "CARESCAPE ONE" il sistema donato dal Rotary Club di Lanciano alla Rianimazione del "Renzetti", che consente di usare lo stesso monitor universale per tutte le necessità di monitoraggio e trasporto intraospedaliero. Con il suo design basato sulla tecnologia dei parametri “smart”, CARESCAPE ONE fornisce la totale flessibilità e garantisce una completa continuità del dato tra le diverse aree di cura. Il monitor è dotato di ampio schermo per visualizzare le condizioni del paziente, ed in grado di acquisire i parametri vitali senza interruzioni. L'apparecchio è stato consegnato dal Prersidente Alberto D'Alessandro, accompagnato dal prefetto di club Vincenzo Travaglini, al Direttore dell'Unità Operativa "Anestesia e Rianimazione" Daniela Albanese, che ha espresso via soddisfazione per la donazione ricevuta. "Il desiderio del Rotary di Lanciano - ha detto D'Alessandro - è sostenere l'attività del nostro ospedale nell'ambito di questa pandemia, nella quale il Renzetti è stato indicato ospedale no Covid dentro la rete aziendale della provincia di Chieti. Per questo primo acquisto abbiamo impegnato fondi del nostro bilancio, ma è ancora in corso la raccolta fondi per dotare la Rianimazione di altri dispositivi elettromedicali che si rendono necessari per garantire migliore qualità dell'assistenza ai pazienti ricoverati".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'importante indagine avviata nel 2019 dai carabinieri della Compagnia di Giulianova e coordinata dalla Procura di Teramo ha permesso di sgominare una banda dedita al traffico di droga

Una mandria di bovini ha sconfinato, senza alcuna autorizzazione e soprattutto senza controllo, in un’area del Parco con circa un mese di anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente. L’episodio è accaduto nei giorni scorsi in località Templo, nel Comune del Gioia dei Marsi, dove i bovini si sono recati perché incustoditi nell’area di svernamento, ubicata più a valle.

Guarite 45 persone in più rispetto a ieri, mentre tocca quota 400 il numero dei decessi dall'inizio dell'emergenza, più 2 rispetto a ieri

Ennesimo Incidente stradale a Lanciano in via De Crecchio all'incrocio con via Veneto