Mercoledì 27 Maggio 2020

Cronaca

Coronavirus, attivate le prime Usca per cura a domicilio in provincia di Chieti

02/04/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, attivate le prime Usca per cura a domicilio in provincia di Chieti

Tre le sedi individuate dalla Asl Lanciano Vasto Chieti,una per ciascuna area distrettuale

La Asl Lanciano Vasto Chieti ha attivato le prime tre Unità speciali di continuità assistenziale (Usca) per la cura a domicilio dei pazienti affetti da Covid-19 che non hanno bisogno di essere ricoverati in ospedale. Sono tre le sedi finora individuate, una per ciascuna area distrettuale: per quella di Chieti nei locali del distretto sanitario di Orsogna, per l’area di Lanciano nell’ex sede della guardia medica a San Vito Chietino e per Vasto nella medicina turistica a San Salvo Marina. L’organico iniziale è di quindici medici di continuità assistenziale, destinato a essere incrementato, con l’affiancamento di professionisti infermieri. Subito dopo partiranno anche le altre quattro Usca con sede a Chieti, Francavilla al Mare, Atessa e Gissi. Il servizio, operativo dalla prossima settimana, sarà garantito tutti i giorni, dalle ore 8 alle 20. E’ già cominciata la formazione dei medici ed è in corso la dotazione di strumenti e attrezzature. La Asl adempie a quanto previsto nell’ordinanza n. 11 con la quale il Presidente della Giunta regionale d’Abruzzo ha istituito le Usca. Lo rende noto la stessa Asl Lanciano Vasto Chieti.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nessun nuovo decesso rispetto a ieri, 140 dimessi guariti in 24 ore. In Abruzzo i positivi sono attualmente 909

L'importante indagine avviata nel 2019 dai carabinieri della Compagnia di Giulianova e coordinata dalla Procura di Teramo ha permesso di sgominare una banda dedita al traffico di droga

Una mandria di bovini ha sconfinato, senza alcuna autorizzazione e soprattutto senza controllo, in un’area del Parco con circa un mese di anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente. L’episodio è accaduto nei giorni scorsi in località Templo, nel Comune del Gioia dei Marsi, dove i bovini si sono recati perché incustoditi nell’area di svernamento, ubicata più a valle.

Guarite 45 persone in più rispetto a ieri, mentre tocca quota 400 il numero dei decessi dall'inizio dell'emergenza, più 2 rispetto a ieri