Mercoledì 20 Gennaio 2021

Cronaca

Coronavirus, 35 casi alla residenza per anziani di San Giovanni Teatino

22/04/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, 35 casi alla residenza per anziani di San Giovanni Teatino

Lo annuncia la Asl Lanciano Vasto Chieti che ha disposto il trasferimento in ospedale di ospiti e personale della struttura risultati positivi al test Covid-19

"Sono 35 le persone risultate positive al test per il Coronavirus a seguito dei 93 tamponi effettuati nella giornata di ieri nella Rsa “Villa San Giovanni” di San Giovanni Teatino, del Gruppo Edos. Si tratta di 25 ospiti e 10 operatori, che vanno ad aggiungersi ad altri quattro casi (un operatore e tre ospiti) di positività accertati in precedenza e già trasferiti all’ospedale di Chieti." lo annuncia in una nota la Asl Lanciano Vasto Chieti che spiega che l’esito dei test è stato comunicato al Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael, dall'Istituto Zooprofilattico di Teramo, incaricato di eseguire l’accertamento. Al fine di contenere altri contagi e preservare ospiti e personale della struttura, la Direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti ha disposto il trasferimento delle persone positive nei reparti Covid degli ospedali di Chieti e Atessa in base alle condizioni cliniche di ciascuno. Vista la portata della diffusione del virus all’interno della struttura, come dimostrano i numeri, la Asl ha ritenuto necessario un approfondimento di tipo epidemiologico, affidato allo Zooprofilattico di Teramo. Una task force dell’Istituto è già da questo pomeriggio a "Villa San Giovanni" per un esame dei casi e per la ricostruzione della catena dei contatti avuti dalle persone contagiate nelle ultime tre settimane.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

All'alba di martedì, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, coadiuvati dai Reparti alla sede di Milano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pescara – Dr.ssa Antonella Di Carlo – nei confronti di tre cittadini italiani, membri di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio ed al traffico di sostanze stupefacenti e di armi fra la Lombardia e l’Abruzzo.

L’arresto, operato da personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “ABRUZZO” di Pescara e dalla Sezione di Teramo, è stato effettuato all’esito della perquisizione eseguita a carico dell’uomo, su delega della Procura della Repubblica di L’Aquila, durante la quale gli operatori di polizia hanno sequestrato una notevole quantità di dispositivi informatici, tra PC, Tablet e Chiavette USB.

I titolari dei locali hanno ricevuto anche sanzioni amministrative per 400 euro.

Nove i nuovi decessi. Gli attualmente positivi scendono di 336 unità rispetto a ieri.