Marted 12 Novembre 2019

Cronaca

Bimbo di tre anni morto in incidente stradale a Rosciano, oggi pomeriggio i funerali

02/11/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Bimbo di tre anni morto in incidente stradale a Rosciano, oggi pomeriggio i funerali

La morte del piccolo ha scosso l'intera comunità. Intanto si indaga per fare chiarezza sull'incidente. Mamma e zio sarebbero stati trovati positivi alla droga

Saranno celebrati oggi pomeriggio alle 14.45nella chiesa di Santo Stefano a Turrivalignani (Pe) i funerali del piccolo Killian de Luca , il bimbo di tre anni che ha perso la vita in un incidente stradale avvenuto giovedi scorso a Rosciano sulla strada Bonifica. L'auto sulla quale viaggiava, una Renault Scenic  insieme alla mamma, allo zio ed alla sorellina, per cause ancora da accertare ha sbandato, si è capovolta ed è finita fuori strada scaraventando il piccolo fuori. Caduto rovinosamente sull'asfalto il bimbo è spirato sul colpo. Intanto continuano le indagini per fare chiarezza su chi fosse al volante del mezzo, in un primo momento sembrava fosse la madre ma ci sarebbero alcune incongruenze nelle testimonianze fornite alle forze dell'ordine, ma soprattutto sembra che madre e zio siano stati trovati sotto effetto di cocaina. Una tragedia che ha scosso l'intera comunità di Turrivalignani che oggi si stringerà intorno ai famigliari di Killian, piccolo ed innocente angelo scomparso cosi prematuramente.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Alla presenza del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, del Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli, del Presidente dell’Unicef Italia Francesco Samengo, verrà presentato oggi, presso La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, l’edizione 2020 del calendario della Polizia di Stato.

Il rogo è avvenuto la scorsa notte e sarebbe di origine dolosa

Ragazza di 34 anni aveva un tasso alcolemico più del doppio rispetto al limite consentito. Il padre ringrazia la Polizia Stradale.

Il G.I.P. del Tribunale di Chieti, De Ninis ha disposto la misura cautelare per l’aggressore, riconoscendone la pericolosità e la possibilità di reiterazione di reati contro la persona.