Mercoledì 07 Dicembre 2022

Cronaca

Atessa, furto di carburante, arrestato dai carabinieri un 33enne

20/03/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Atessa, furto di carburante, arrestato dai carabinieri un 33enne

L’uomo utilizzava una carta carburanti rubata per fare rifornimento alla sua auto

I carabinieri della Stazione di Atessa hanno eseguito venerdì scorso una misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di M.S. 33enne italiano, residente a Pescara, ritenuto responsabile di numerosi furti di gasolio. L’uomo, utilizzava una carta carburanti rubata, per fare rifornimento alla sua auto.

I militari sono giunti a lui grazie a un'attività d'indagine scattata a seguito della denuncia di furto della carta per rifornimenti di carburante, presentata dal responsabile di una società di autotrasporti di Atessa. Già dopo i primi accertamenti, la carta risultava essere stata utilizzata più volte in vari distributori della provincia di Chieti ed in particolare ad Atessa e pertanto i carabinieri si erano messi sulle tracce di chi la deteneva.

Fatale è stata proprio l'ultima transazione effettuata con il titolo sottratto presso il distributore “IP” di questo centro. A seguito del fermo dell’uomo avvenuto mentre era intento a concludere l’ennesimo prelievo di carburante riempiendo alcune taniche di plastica, è emerso che ad utilizzare la carta era un 33 enne dipendente dell'azienda derubata, che era riuscito ad appropriarsene e ad effettuare prelievi di carburante per oltre dodicimila euro.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Atessa Carabinieri furti

Potrebbero interessarti

È caccia ad una BMW avvistata in diversi piccoli centri presi di mira dai ladri.

Fingendosi un ingegnere inglese i presunti truffatori erano riusciti ad ingannare la donna, facendole credere un interesse sentimentale nei suoi confronti e carpendo così la sua fiducia sui social avanzando subito dopo richieste economiche.

Gli inquirenti non escludono alcuna pista

“L’auspicio è che le indagini escludano il dolo, se tale ipotesi venisse però confermata, sarebbe un gesto gravissimo verso il sindaco e presidente della Provincia Francesco Menna, al quale va tutta la mia solidarietà e vicinanza”, così il capogruppo Pd in Consiglio regionale, Silvio Paolucci sull’incendio dell’auto di Menna.