Giovedì 29 Febbraio 2024

Cronaca

Annullata condanna a sacerdote per omicidio di un prete a Trieste: nuovo processo a Venezia

18/03/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Annullata condanna a sacerdote per omicidio di un prete a Trieste: nuovo processo a Venezia

La Cassazione annulla la sentenza di secondo grado per violazione del diritto alla difesa durante le perizie tecniche. La difesa di don Paolo Piccoli: "Giustizia ripristinata dopo nove anni di processo".

La Cassazione ha annullato la sentenza di secondo grado della Corte di Assise d'Appello di Trieste che aveva condannato a 21 anni di reclusione don Paolo Piccoli, sacerdote incardinato nella diocesi aquilana, per omicidio di un prete che viveva con lui in un seminario per pensionati a Trieste. A richiedere l'annullamento del processo era stato anche il procuratore generale. Il nuovo processo di secondo grado si svolgerà davanti alla Corte di Assise di Appello di Venezia. Il fatto risale al 25 aprile 2014.

Secondo l'accusa don Paolo Piccoli, 56 anni, in pensione per motivi di salute, ex parroco di Pizzoli e Rocca di Cambio in provincia dell'Aquila, era accusato di avere strangolato Giuseppe Rocco, prete di 92 anni, per il furto di alcuni oggetti sacri. Secondo quanto si è appreso la decisione della Cassazione riguarderebbe la violazione del diritto alla difesa per la mancata presenza di consulenti di parte dell'imputato in occasione della perizia relativa agli accertamenti tecnici del Ris di Parma sulle tracce di sangue e alla consulenza autoptica: prove che, secondo la corte, non sarebbero state ammissibili.

Il ricorso in Cassazione è stato presentato dall'avvocato aquilano Vincenzo Calderoni, legale di don Piccoli, che ha sempre respinto ogni addebito. "La Cassazione afferma un principio di diritto - ha spiegato il difensore - che ben due corti d'Assise hanno disapplicato, così sbagliando e costringendo Piccoli a vivere sotto processo per nove anni con una condanna a 21 anni di reclusione".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

È accaduto al Porto Turistico di Pescara. L'uomo è stato condannato per direttissima.

Il Comandante Generale ha incontrato una rappresentanza di militari di ogni ordine e grado della Legione “Abruzzo e Molise”, complimentandosi per l’impegno e la dedizione profusi nello svolgimento della quotidiana attività di controllo del territorio e nella lotta alla criminalità

Di Giuseppantonio: La sensibilità e la buona educazione vanno sempre esaltati, soprattutto quando si tratta di giovani.

Nel corso di un'operazione mirata denominata "Drug Market", i militari del Comando Provinciale di Pescara hanno arrestato un giovane spacciatore trentenne, sequestrando un carico di sostanze stupefacenti stimato in 8.000 euro sul mercato della droga.