Venerdì 23 Febbraio 2024

Cronaca

Addio all'Ispettore Superiore Angelo D'Onofrio, investigatore scrupoloso e stimato

10/03/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Addio all'Ispettore Superiore Angelo D'Onofrio, investigatore scrupoloso e stimato

Nonostante le condizioni di salute fossero peggiorate, l’Ispettore Superiore ha continuato a lavorare fino all’ultimo giorno

E’ venuto a mancare all’affetto dei suoi cari e alla famiglia della Polizia di Stato l’Ispettore Superiore Angelo D’Onofrio, deceduto questa notte, nella sua casa di Bucchianico (CH), a causa di una grave malattia contro la quale stava combattendo da diversi mesi e che, purtroppo, non gli ha lasciato scampo. Nonostante le condizioni di salute fossero peggiorate, l’Ispettore Superiore ha continuato a lavorare fino all’ultimo giorno, presso la Sezione reati contro la persona della locale Squadra Mobile da lui diretta. L’Ispettore Superiore Angelo D’Onofrio era entrato in Polizia da giovanissimo e, dopo avere prestato servizio a Roma, era approdato alla Questura di Pescara dove era stato assegnato da subito alla Squadra Mobile. Era un abile investigatore, molto attento e scrupoloso, che ha svolto indagini per tanti fatti di cronaca accaduti in questi anni a Pescara ed era molto stimato per le sue elevate capacità professionali. Il 7 di aprile avrebbe compiuto 58 anni. I suoi funerali si svolgeranno domani pomeriggio, a Bucchianico (CH). Prima di morire, l’Ispettore Superiore ha espresso il desiderio di essere seppellito con la divisa della Polizia di Stato.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Ieri pomeriggio, un 38enne rumeno ha fatto irruzione in un centro di accoglienza brandendo un'ascia, minacciando presenti e un addetto

I fatti risalgono al periodo 2016-2021. Secondo l'accusa, da quando la vittima aveva solo 14 anni.

I destinatari dei provvedimenti, appartenenti alla cerchia relazionale virtuale del citato cittadino tunisino, risultano usuari di profili social con contenuti tipici degli ambienti dell’estremismo di matrice confessionale

I carabinieri della compagnia di Atessa le hanno notificato il provvedimento che le impedisce di tornare nel comune di Archi per 4 anni