Venerdì 17 Gennaio 2020

Cronaca

A Pescara sgomberati altri 5 appartamenti popolari occupati abusivamente

05/11/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
A Pescara sgomberati altri 5 appartamenti popolari occupati abusivamente

Le forze dell'ordine hanno eseguito stamane lo sgombero di 5 alloggi popolari occupati abusivamente nel quartire Rancitelli

Continuano gli sgomberi a Pescara, da parte delle forze dell’ordine, delle famiglie che occupano abusivamente le case popolari. Le operazioni sono state rese possibili grazie alle somme, 400mila euro,messe a disposizione dalla Regione Abruzzo. Questa mattina è stato notificato a 5 nuclei famigliari il decreto di sequestro preventivo del Tribunale e il contestuale sgombero. Il provvedimento è stato eseguito dalla polizia municipale, coordinata sul posto dal comandante Danilo Palestini. Il tavolo tecnico coordinato dalla questura ha disposto anche la presenza di polizia, carabinieri, guardia di finanza, vigili del fuoco, 118, Misericordia, presenti anche le unità cinofile  per verificare l'eventuale pesenza di droga. Ad assistere alle operazioni stamane Il Presidente del consiglio regionale Lorenzo Sospiri, il sindaco Carlo Masci e l’assessore Isabella Del Trecco. Gli alloggi liberati, contrariamente a quanto accaduto in passato per gli sfratti, non saranno murati. Le abitazioni verranno svuotate, si procederà alla sostituzione della porta, alla messa a norma degli impianti e quindi alla riassegnazione alle famiglie che ne hanno diritto. Ogni intervento ha un costo di circa 10mila euro.

“ Lo avevamo promesso, lo stiamo facendo. – scrive su Fb il Presidente del Consiglio Regionale, Lorenzo Sospiri. - Altri 5 appartamenti popolari liberati e riassegnati, escono delinquenti entra chi ha diritto. Andate via da soli, - conclude Sospiri – perchè noi continueremo grazie ai fondi stanziati dal Presidente Marsilio”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.

Scivolato in prossimità della Capanna Sevìce, sul monte omonimo del gruppo Sirente Velino, un escursionista residente a Roma di 53 anni è stato soccorso nel pomeriggio di oggi dall’elicottero del 118 di stanza a L’Aquila.

La famiglia rom, che era stata sgomberata a novembre per occupazione abusiva dell'alloggio popolare, stava tentando di riappropriarsi dell'abitazione.

Il colpo messo a segno ai danni dell' Antica gioielleria l’11 dicembre aveva fruttato un bottino di oltre 100mila euro.