Domenica 14 Aprile 2024

Cronaca

A Lanciano una banda di bulli aggredisce un minore che resta a terra tramortito.

25/02/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
A Lanciano una banda  di bulli aggredisce un minore che resta a terra tramortito.

È accaduto questa sera, 25 febbraio 2024, intorno alle 21 tra via Vittorio Veneto e corso Bandiera.

Erano una quindicina i ragazzi, presenti anche alcune ragazze, che hanno assistito ai ripetuti colpi che tre o quattro di loro hanno assestato ad un giovane, con ogni probabilita per futili motivi, il tutto nel delirio alcolico di molti, compreso della vittima, che appena rinvenuto, all’arrivo della polizia allertata da un residente, non ha saputo raccontare nulla. Il tutto è stato immortalato da un residente con un video girato con il telefonino. “Io non ho capito perché ci dobbiamo menare” dice uno dei giovani ripreso dal telefonino. Alla vista dell’arrivo della volante i ragazzi si sono dileguati e il giovane preso di mira dalla banda è stato scaricato davanti alla saracinesca di un negozio. Il minore è stato condotto al Pronto soccorso dell’ospedale di Lanciano. La polizia ha ascoltato il ragazzo per cercare di risalire agli autori dell’aggressione e sta visionando le immagini fornite dal residente della zona che, preoccupato per lo stato di salute del ragazzo, notato privo di sensi riverso a terra, è sceso in strada a raccontare tutto agli agenti. Indagini sono in corso.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Pescara Francesco Marino, che ha anche stabilito il divieto assoluto di contatti di qualsiasi genere della docente con la ragazza.

Questa mattina, alle 5:00 circa, una squadra dei Vigili del Fuoco del Comando Pescara è intervenuta per un incendio di un'auto in Via Caravaggio, numero 299, nel comune di Montesilvano

L'auto sulla quale viaggiavano le vittime ha prima tamponato un veicolo e poi è andata a schiantarsi contro uno spigolo della galleria.

Le autorità dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Giulianova hanno deferito alla Procura della Repubblica di Teramo il proprietario di un terreno situato a Roseto degli Abruzzi, per presunta gestione illecita di rifiuti, realizzazione di una discarica non autorizzata e deposito incontrollato di rifiuti.