Domenica 27 Settembre 2020

Attualità

Giulianova, convenzione con università di Teramo per dipendenti comunali

18/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

Il Comune di Giulianova sigla una convenzione con l’Università degli Studi di Teramo per agevolare i propri dipendenti in percorsi formativi universitari

E’ stata firmata in questi giorni una convenzione tra il Comune di Giulianova e l’Università degli Studi di Teramo, che garantirà ai dipendenti comunali la possibilità di un percorso formativo universitario, data la forte necessità in un contesto normativo di svolgere continue attività di aggiornamento ed acquisire nuove competenze. “Con questo accordo, stipulato a seguito del mio incontro con il Magnifico Rettore Dino Mastrocola, l’Università di Teramo rappresenterà per il nostro Ente, un provider territoriale di alta formazione – dichiara il Sindaco Jwan Costantini – capace di costruire programmi istruttivi specifici che partano dall’analisi delle strategie di governo, dalle criticità dei processi di cambiamento e dai bisogni professionali del personale dipendente, al fine di dare risposte formative più efficaci. La convenzione, che avrà una durata di 5 anni accademici e non comporterà di per sé alcun onore per il Comune, prevede anche agevolazioni economiche rivolte ai dipendenti, per i quali l’Università si impegna a concedere una riduzione del 30% dell’ammontare del contributo annuale delle tasse universitarie”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Giulianova

Potrebbero interessarti

De Dominicis: «La pandemia è arrivata trovando già un tessuto sociale molto fragile e in difficoltà»

Il presidente della Regione Abruzzo: "Troppi 11 anni per ricostruzione."Marsilio chiede l'impegno del Governo a cambiare le norme e consentire alle amministrazioni di intervenire in tempo utile e senza lungaggini.

Sono i volontari di tre associazioni cittadine che si sono messi a disposizione della collettività per vigilare sulla sicurezza dei bambini.

L'assessore regionale dopo l'incontro con il Mise: "L'Azienda ha deciso di non avvalersi della Cassa Covid, una decisione che contestiamo"