Venerdì 19 Luglio 2024

Sanità

Riapre la Rianimazione all'ospedale di Vasto

18/01/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Riapre la Rianimazione all'ospedale di Vasto

Il reparto interessato da novembre scorso da lavori necessari, dalla pavimentazione agli impianti.

Ultimati gli interventi di riqualificazione, domani, giovedì 19 gennaio, riapre la Rianimazione dell’ospedale di Vasto. Come si ricorderà, le attività erano state sospese nello scorso mese di novembre per consentire l’esecuzione di lavori divenuti necessari e non più rimandabili, a partire dalla sostituzione del pavimento.

Nell’occasione sono stati anche effettuati interventi sugli impianti, in particolare sui canali aria e sulle unità di trattamento della stessa, sulla tinteggiatura e su porte e infissi. Una volta completati i lavori, eseguiti nel periodo delle festività nel quale si registra normalmente un rallentamento delle attività, i tecnici hanno provveduto alle verifiche ambientali sulle apparecchiature elettromedicali e sulla parte impiantistica, che hanno dato esito positivo. Alla luce di tali risultati, è stata autorizzata la riapertura da parte dell’Unità operativa “Investimenti, patrimonio e manutenzione” e del "Servizio Prevenzione e Protezione".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La volontà della Regione Abruzzo di individuare la zona di Villa Mosca per la costruzione del nuovo ospedale ci soddisfa pienamente dichiara in una nota il segretario provinciale UGL Salute Stefano Matteucci.

Verì: Già deliberato l’incremento di risorse per la realizzazione del nuovo nosocomio

Le novità in tema della revisione del vincolo di esclusività del professionista sanitario pubblico dipendente, introdotte nel periodo pandemico, vengono prorogate e riviste, in funzione della perdurante e profonda crisi della presenza di professionisti sanitari nel sistema salute italiano.

All’ospedale di Chieti l’équipe di Umberto Benedetto, Direttore del Dipartimento Cuore e della Cardiochirurgia, ha aperto la strada alla cardiochirurgia robotica con un intervento di bypass coronarico utilizzando il “Da Vinci” in dotazione all’ospedale.