Marted 18 Febbraio 2020

Politica

LFoundry di Avezzano: Febbo, il 28 saremo a Roma per sostenere azienda e lavoratori

26/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
LFoundry di Avezzano: Febbo, il 28 saremo a Roma per sostenere azienda e lavoratori

L'obiettivo è soprattutto quello di garantire nel tempo la tenuta occupazionale e tecnologica dello stabilimento e scongiurare il rischio di una delocalizzazione delle produzioni.

"La Regione è ben informata sulla situazione della LFoundry s.r.l. e affronterà le diverse criticità attraverso le opportune soluzioni per i lavoratori e la stessa azienda". Ad affermarlo è l'assessore alle Attività Produttive, Mauro Febbo, al termine dell'incontro con le sigle sindacali e le Rsu. "Il 28 gennaio - afferma Febbo - saremo a Roma al Ministero dello Sviluppo Economico proprio per affrontare le attuali criticità dell'azienda di Avezzano come la verifica del piano di trasformazione/inclusione in IDM (Integrated Device Manufacturer) della LFoundry visti gli ingenti investimenti, capire la reale intenzione dell'azienda di affiancare all'attuale produzione di CIS (sensori di immagine) quella di importanti quantità di dispositivi di potenza. L'obiettivo è soprattutto quello di garantire nel tempo la tenuta occupazionale e tecnologica dello stabilimento e scongiurare il rischio di una delocalizzazione delle produzioni. LFoundry, - rimarca Febbo – è un'azienda solida con una storia che nasce e si sviluppa ad Avezzano nel settore della microelettronica (semiconduttori) dove produce sensori d'immagine (CIS) a prevalente utilizzo nelle applicazioni automotive ed oggi occupa poco più di 1500 addetti. Pertanto, vigileremo ed attenzioneremo al Ministero i passi che la proprietà intende muovere su questo territorio e soprattutto nei confronti di questa solida realtà aziendale".

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Avezzano Mauro Febbo

Potrebbero interessarti

L'annuncio è arrivato dallo stesso Quaresimale attraverso una nota.

I progetti dovranno essere svolti nel Comune di Montesilvano in 4 ambiti: sociale, culturale, tutela dei beni comuni e artistico.

“Il Governo nazionale dimentica il ruolo strategico della nostra regione rispetto al meridione”.

L'assessore al Turismo del comune di San Salvo sottolinea che si tratta solo di un fatto burocratico.