Mercoledì 01 Aprile 2020

Politica

“Poco Abruzzo nel piano per il sud”, Sigismondi e Testa (FdI) alzano la voce

15/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
“Poco Abruzzo nel piano per il sud”, Sigismondi e Testa (FdI) alzano la voce

“Il Governo nazionale dimentica il ruolo strategico della nostra regione rispetto al meridione”.

"Condividiamo le preoccupazioni e le perplessità del Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio inerenti il piano per il sud. Ancora una volta si assiste ad un atto del Governo che dimentica il ruolo strategico che l’Abruzzo ha per riconnettere il meridione con il resto dell’Italia e dell’Europa intera." Così in una nota il Coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Etelwardo Sigismondi, e il Capogruppo in Consiglio regionale Guerino Testa. "Purtroppo nel piano per il sud c’è poco Abruzzo. - continuano i due esponenti del partito della Meloni in Abruzzo - Ci sono scarsi investimenti per realizzare le infrastrutture necessarie alla nostra regione; condividiamo quindi la necessità di istituire da subito un tavolo di confronto affinché si riesca a correggere il piano presentato dal Ministro, per affrontare in maniera determinante questioni importanti come la messa in sicurezza dell'intera rete autostradale adriatica e la progettazione della terza corsia, la messa in sicurezza per quella per Roma, l'inserimento dell'Abruzzo nel corridoio 'Core' adriatico, l'alta velocità sulla ferrovia Adriatica, il potenziamento e la velocizzazione della ferrovia Pescara-Roma, il potenziamento dei porti e dell’Aeroporto d'Abruzzo".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Di Michele Marisi: “Squallido chi non ferma la macchina di una spudorata campagna elettorale in un momento come questo”

L'assessore regionale condivide l'appello dell'ASL ed annuncia che si farà portavoce presso le diverse associazione di categoria dell'accoglienza turistica dell'Abruzzo

Il dramma sanitario che stiamo vivendo non può essere ridotto ad una battaglia di campanile, ne può diventare occasione di campagna elettorale per le amministrative dell’anno prossimo

Il capogruppo della Lega in Regione chiede misure più stringenti per la città a tutela della popolazione