Venerdì 24 Maggio 2024

Politica

Lavoro, L'assessore regionale Tiziana Magnacca: Formazione elemento imprescindibile per garantire sicurezza nei cantieri

17/04/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
Lavoro, L'assessore regionale Tiziana Magnacca: Formazione elemento imprescindibile per garantire sicurezza nei cantieri

L'assessore commenta i dati allarmanti resi noti dall'Opra che parlano di oltre 1800 incidenti sul lavoro nei primi due mesi del 2024 di cui tre mortali.

 

Sono stati 1.813, di cui tre mortali, gli incidenti sul lavoro che si sono verificati in Abruzzo dal primo gennaio al 29 febbraio di quest'anno. Gli infortuni hanno riguardato 694 donne e 1.119 uomini. I dati sono stati resi noti da Opra, Organismo paritetico regionale dell'artigianato per la salute e sicurezza sul lavoro, costituito da Confartigianato, Cna, Casartigiani, Claai e Cgil, Cisl, Uil. A perdere la vita sono stati un italiano di 47 anni in provincia di Chieti, e due stranieri di 38 e 67 anni rispettivamente in provincia dell'Aquila e Teramo. Un bollettino di guerra, se si considera che alla fine del 2023 il triste bilancio degli incidenti sul lavoro denunciati in Abruzzo si attestava a quota 12.111; di questi, circa 2.200 hanno riguardato il settore dell'artigianato. Degli infortuni sul lavoro che si sono verificati nei primi due mesi dell'anno 551 hanno riguardato il territorio della provincia di Chieti (326 uomini e 225 donne); 466 quella di Teramo (303 uomini e 163 donne), 398 la provincia dell'Aquila (228 uomini e 170 donne) e altrettanti quella di Pescara (262 uomini e 136 donne). Sebbene il numero complessivo degli infortuni osservati nel 2023 sia inferiore rispetto al 2022 (quando ne sono stati registrati 14.775), i numeri continuano a raccontare di un'emergenza infinita, senza contare che i dati ufficiali non tengono conto dei casi non denunciati che sfuggono, quindi, a qualsiasi rilevazione. Se da un lato la riduzione degli infortuni nel 2023 ha rappresentato un segnale positivo, dall'altro non si può non tener conto dell'aumento vertiginoso dei casi mortali (36, cioè l'80% in più rispetto ai dati del 2022), che pongono l'Abruzzo al primo posto in Italia in relazione al numero di occupati. Poco più di un quinto degli incidenti totali del 2023 ha riguardato il distretto dell'artigianato: 390 casi sono stati segnalati nel settore della ristorazione (pizzerie e pasticcerie, ma nel dato sono compresi anche le cucine dei ristoranti e delle mense) altri 275 casi hanno riguardato il settore delle pulizie, 152 quello della produzione di oggetti in vetro e ceramica, 80 casi si sono registrati nel settore dei servizi, 73 quello delle riparazioni varie (dagli infissi alle auto), 45 nella confezione di capi di abbigliamento, 30 nella lavorazione della pelle e 21 nella lavorazione dei preziosi. A questi si aggiungono i 1.176 casi registrati nelle Pmi a supporto del settore edile (tra cui piastrellisti, idraulici, pittori, elettricisti, ma anche muratori alle dipendenze delle Pmi). Non meno significativa la situazione riferita alle malattie professionali. In Abruzzo nei primi due mesi del 2024 all'Inail sono stati denunciati 1.794 casi di malattie professionali (1292 uomini 502 donne). Nel 2023 ne erano stati segnalati 5.231. Su questi dati allarmanti interviene l'assessore regionale alle attività produttive e ala lavoro Tiziana Magnacca.

"La grande sfida a cui sono siamo tutti chiamati è sul fronte della sicurezza nei luoghi di lavoro perché non è più ammissibile, nell’era moderna e dell’innovazione tecnologica, fare la conta di coloro che perdono la vita per lavorare. È vero che non abbiamo competenze dirette come Regione, ma spetta a noi rafforzare l'impegno di vicinanza alle imprese affinchè vengano messe nelle condizioni di seguire e attivare percorsi di sensibilizzazione in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro per proteggere i lavoratori".

"A tal fine, il Presidente Marsilio ha firmato un protocollo con INAIL che ci consentirà, a breve, di poter predisporre percorsi formativi proprio in tale materia”. dice l'assessore regionale Tiziana Magnacca. "Nonostante le norme di sicurezza previste dalle leggi vigenti non dobbiamo dare nulla per scontato ritenendo che gli incidenti non possano mai accadere. Bisogna lavorare perché nei luoghi di lavoro ci sia una formazione continua, che investa anche il mondo della scuola, per formare ad una cultura che preservi dagli episodi delle morti che in questi mesi non hanno visto immune la nostra regione" conclude l'assessore Magnacca.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La consigliera di Lanciano in comune: “E’ un fatto che l’orientamento del presidente Marsilio è quello di vendere la società, come è un fatto che il presidente Amoroso abbia cercato di scoraggiare questa scelta."

Dichiarazione dei senatori abruzzese e molisano di Fratelli d’Italia, componenti della commissione Antimafia, Etelwardo Sigismondi e Costanzo Della Porta, nel giorno del 32esimo anniversario dell'attentato terroristico mafioso in cui fu ucciso il giudice Falcone

L'assessore regionale al lavoro sottolinea il costante contatto con le parti datoriali e con i sindacati di categoria per mettere in atto misure utili a gestire questo momento difficile

"La Sangritana è cresciuta moltissimo sotto il primo governo Marsilio e la sfida che dobbiamo cogliere oggi è rafforzare maggiormente un importante asset regionale per non perdere quote di mercato significative, in un contesto che è sempre più competitivo e favorisce grandi aziende.