Lunedì 19 Aprile 2021

Politica

CHIETI; AVVOCATI: 'LA TUTELA DEI DIRITTI AL CENTRO DEL SISTEMA'

19/03/2012 - Redazione AbruzzoinVideo

19 marzo 2012. Si è tenuta oggi, a Chieti, presso la Sala del Consiglio Provinciale, in Corso Marruccino, la Tavola Rotonda: "La difesa non è una merce. La tutela dei diritti al centro del sistema”. “La difesa non è una merce perché la tutela dei diritti non è negoziabile – ha detto il Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Chieti, Pierluigi Tenaglia – non può essere oggetto di corse al ribasso, non può rispondere soltanto a logiche mercantilistiche. La tutela dei diritti è fondamentale – continua Tenaglia – per lo Stato democratico ed è fondamentale per la tutela dei cittadini. Non si tratta di una posizione volta a vantaggio esclusivo della categoria professionale cui appartengo, quindi dell'avvocatura, ma si tratta di una posizione volta alla tutela generale degli interessi della collettività”. “Sul fronte delle liberalizzazioni – ha detto il Senatore Giovanni Legnini, intervenuto oggi all'incontro – in generale, come processo di apertura dei mercati alla concorrenza e ampliamento delle opportunità, non si torna indietro, è un processo di cui il nostro Paese, la nostra economia, hanno bisogno. L'Avvocatura pone problemi specifici: problemi che hanno a che fare con il funzionamento del sistema giudiziario, con la funzione, il ruolo dell'avvocatura che ha un rilievo anche costituzionale, con la riforma dell'ordinamento professionale; problemi che in parte sono già stati affrontati e risolti nella lettura al Senato del decreto sulle liberalizzazioni, dall'altra parte dovranno trovare risposta con i provvedimenti futuri – ha detto tra le altre importanti cose, il Senatore Giovanni Legnini”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

avvocati chieti

Potrebbero interessarti

La progettazione del piano di San Donato affidata allo Studio di ingegneria Bona di Lanciano per un importo di 16mila e 892 euro, quello dei Ripari di Giobbe all’architetto Claudio Angelucci per un importo di 15mila e 513 euro.

“Ancora una volta sono le Regioni a fare da sprone e a fornire al Governo e al Paese gli strumenti per ripartire e mettere in moto l’economia, che rappresenta la seconda grave crisi dopo quella sanitaria.”

Il progetto, partito nel 2019, ha l’obiettivo di ridurre i rifiuti in mare attraverso azioni specifiche che i pescatori possono mettere in atto mediante la normale attività di pesca.

Casanova, Viviani, D’Eramo: “Evitiamo la morte di centinaia di imprese. Abruzzo allo stremo"