Mercoledì 12 Agosto 2020

Politica

Abruzzo: prima riunione ufficiale Commissione pari opportunità

21/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Abruzzo: prima riunione ufficiale Commissione pari opportunità

La Commissione sta già lavorando ad alcuni casi delicati in tema di minori

La Commissione regionale Pari Opportunità si è riunita per la prima volta dalla sua costituzione, ieri mercoledì 19 febbraio. Durante l'incontro è stato approvato il regolamento interno dell'organo e sono state nominate tre sottocommissioni di lavoro che si occuperanno di "Sviluppo economico lavoro e formazione", "Violenza e tutela dell'immagine femminile e problematiche socio sanitarie", "Bilancio e fondi recupero, legislazione e riforme istituzionali". "La Commissione sta già lavorando ad alcuni casi delicati in tema di minori – spiega la presidente CPO, Maria Franca D'Agostino – Mi sono personalmente interessata a un caso di disparità di trattamento di minori per l'assegnazione di un contributo autonomo di sistemazione (C.A.S.) in un comune in provincia di Teramo". La Commissione opera in piena autonomia per la valorizzazione della differenza di genere ed il superamento di ogni altra discriminazione diretta ed indiretta (età, razza, origine etnica, disabilità e lingua, credo religioso, orientamento sessuale), per la promozione e la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna nell'educazione, nella formazione, nella cultura e nei comportamenti, nella partecipazione alla vita politica e sociale, nelle istituzioni, nella vita familiare e professionale, nell'accesso alle cariche elettive ed alle funzioni direttive.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

"Una pietra miliare nel percorso politico e amministrativo di Progetto Lanciano all’interno dell’amministrazione di governo cittadino".

Attraverso il Sindaco Mario Pupillo ed il Presidente del Consiglio Leo Marongiu, l’Amministrazione comunale ha chiesto direttamente all’Assessore regionale Campitelli ed al consigliere regionale Montepara di intervenire politicamente per bloccare questa inaccettabile e umorale decisione di Schael.

Continua a tenere banco la vicenda della seconda Tac, dopo Fratelli d'Italia interviene anche la Lega con l'affondo di Fausto Memmo.

Il consigliere regionale del M5s, nonchè vice presidente della Commissione Sanità, annuncia inoltre che porterà il caso in Commissione Vigilanza.