Lunedì 08 Marzo 2021

Turismo e Natura

San Salvo, recupero rifiuti abbandonati in via Belgio

13/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
San Salvo, recupero rifiuti abbandonati in via Belgio

Il Comune sta facendo analizzare il contenuto delle buste di rifiuti abbandonati per risalire ai responsabili.

Questa mattina ennesimo intervento di rimozione e pulizia dei rifiuti abbandonati in via Belgio e delle strade limitrofe che insistono nella zona industriale. Ad operare il personale del Servizio manutenzione del Comune di San Salvo coadiuvato dall’agente Dino Di Fabio della task force del Servizio ambiente.

“Dalle prime ore di questa mattina – segnala l’assessore all’Ambiente Giancarlo Lippis – stiamo analizzando i rifiuti raccolti per risalire ai responsabili per procedere conseguentemente a sanzionare i responsabili per quanto previsto dal Regolamento di igiene pubblica”. “Lo smaltimento in discarica dei rifiuti non conforme – commenta il sindaco Tiziana Magnacca – rappresenta un aumento ingiustificato dei costi e vanifica tutto il lavoro svolto per raggiungere le percentuali di conferimento stabilite dalle norme in materia che permettono di considerare un ente più o meno virtuoso”. L’assessore Lippis evidenzia: “Analizzando i rifiuti raccolti sono stati individuati materiali ingombranti che potevano tranquillamente essere consegnati al vicino centro di raccolta senza causare nessun danno all’ambiente, ma sopra a tutto comportandosi da persone civili nel rispetto dell’ambiente, che è un bene di tutti da salvaguardare”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

San Salvo

Potrebbero interessarti

Un percorso ciclabile da esplorare in ogni stagione che parte da Sante Marie per andare alla scoperta dei boschi e dei borghi del territorio comunale.

Ieri, nella sala incontri della sede camerale, è stato sottoscritto il Protocollo d’intesa denominato “Parchi del Centro-Sud” tra la Camera di Commercio di Cosenza, il Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, Val d’Agri-Lagonegrese, il Parco Nazionale del Pollino e il Parco Nazionale della Sila.

La Stazione Ornitologica Abruzzese ha appena concluso il censimento del raro rapace. La Regione si conferma una delle roccaforti della specie in Italia.

Il Parco Nazionale della Majella e i Comuni dell’Area Casauriense (Bolognano, Castiglione a Casauria, Tocco da Casauria e Torre dè Passeri) hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa per un programma di valorizzazione dei patrimoni storici, architettonici e ambientali compresi nel territorio dell’alta Val Pescara e legati con la presenza del nucleo religioso dell’Abbazia di San Clemente a Casauria.