Lunedì 30 Marzo 2020

Turismo e Natura

San Salvo, recupero rifiuti abbandonati in via Belgio

13/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
San Salvo, recupero rifiuti abbandonati in via Belgio

Il Comune sta facendo analizzare il contenuto delle buste di rifiuti abbandonati per risalire ai responsabili.

Questa mattina ennesimo intervento di rimozione e pulizia dei rifiuti abbandonati in via Belgio e delle strade limitrofe che insistono nella zona industriale. Ad operare il personale del Servizio manutenzione del Comune di San Salvo coadiuvato dall’agente Dino Di Fabio della task force del Servizio ambiente.

“Dalle prime ore di questa mattina – segnala l’assessore all’Ambiente Giancarlo Lippis – stiamo analizzando i rifiuti raccolti per risalire ai responsabili per procedere conseguentemente a sanzionare i responsabili per quanto previsto dal Regolamento di igiene pubblica”. “Lo smaltimento in discarica dei rifiuti non conforme – commenta il sindaco Tiziana Magnacca – rappresenta un aumento ingiustificato dei costi e vanifica tutto il lavoro svolto per raggiungere le percentuali di conferimento stabilite dalle norme in materia che permettono di considerare un ente più o meno virtuoso”. L’assessore Lippis evidenzia: “Analizzando i rifiuti raccolti sono stati individuati materiali ingombranti che potevano tranquillamente essere consegnati al vicino centro di raccolta senza causare nessun danno all’ambiente, ma sopra a tutto comportandosi da persone civili nel rispetto dell’ambiente, che è un bene di tutti da salvaguardare”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

San Salvo

Potrebbero interessarti

Abrussels asbl, associazione degli abruzzesi a Bruxelles e Abruzzo Smart Ambassador, ha messo a disposizione di associazioni no profit apartitiche operanti in Abruzzo la somma di 3.000 euro per realizzare un progetto senza scopo di lucro dal titolo "RilanciAmo".

Sulla base dei prelievi eseguiti dall’Agenzia Regionale per la Tutela dell’Ambiente (ARTA) in tutti i punti di prelievo individuati (nella zona sud dell’ex stazione ferroviaria, in prossimità della foce del Fiume Sangro e sul litorale) i risultati confermano l’ottimo stato di salute del mare che bagna i cinque chilometri di Fossacesia anche in questi primi mesi del 2020.

In un inverno troppo caldo e con scarso innevamento, sui prati ripidi di alta quota della dorsale dal Monte Petroso al Monte Metà, i branchi di camoscio appenninico hanno preferito rimanere sui pascoli di altitudine piuttosto che rifugiarsi nei boschi della Val Canneto e della Valle Pagana, come è loro consuetudine durante le stagioni invernali.

Si è svolto sabato 15 febbraio a Pero de Santi, nel Comune di Civita D’Antino, l’annunciato convegno “ViaggiAssaggia. L’enogastronomia come attrattiva turistica per l’Area dei Simbruini”, organizzato nell’ambito del Progetto per l’empowerment dei Comuni e delle istituzioni locali L.I.R.I. , in collaborazione con le DMC Marsica e Abruzzo Qualità.