Sabato 27 Febbraio 2021

Turismo e Natura

Passolanciano-Mammarosa, definito progetto di collegamento a funivie

31/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Passolanciano-Mammarosa, definito progetto di collegamento a funivie

La Regione è pronta a definire la pubblicazione del bando e quindi ad aggiudicare, entro l'estate prossima, i lavori per la realizzazione delle opere inerenti le infrastrutture funzionali alla valorizzazione turistica delle stazioni invernali di Passo Lanciano e Mammarosa per un importo di circa 20 milioni di euro 200 mila euro.

Risorse derivanti dal Masterplan Abruzzo-Patto per il sud. "Oggi abbiamo a disposizone questi fondi che consentiranno di collegare il bacino di Roccamorice agli impianti di Mammarosa. - ha annunciato l'assessore al Turismo, Mauro Febbo, durante la conferenza stampa che si è svolta, questa mattina, a Pescara, nella sede dell'assessorato - Tuttavia, per completare gli interventi, occorreranno ulteriori 14 milioni di euro che potrebbero anche arrivare attraverso un project-financing. Intanto, - ha aggiunto - possiamo già far partire l'iter amministrativo per ottenere le autorizzazioni necessarie da parte del Parco e portare il progetto al vaglio della Commissione per la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). L'auspicio è di vedere i cantieri aperti per l'estate del 2021". All'incontro con i giornalisti hanno preso parte anche il presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, il sindaco di Pretoro, Diego Valerio Giangiulli, il sindaco di Serramonacesca, Franco Enrico Marinelli, il neo presidente del Parco nazionale della Maiella, Lucio Zazzara, il direttore del Parco, Luciano Di Martino, ed i progettisti. Interessato dal progetto anche il Comune di Roccamorice dal quale partirà il primo step degli interventi consistente nel collegamento con gli impianti di Mammarosa. "Il progetto appena definito - ha spiegato Febbo - mira alla valorizzazione turistica delle stazioni sciistiche di Passo Lanciano e Mammarosa, puntando alla multistagionalità dell'offerta, con particolare attenzione alle attività estive, attualmente poco sviluppate se non assenti. L'intervento principale - ha proseguito - è rappresentato dal sistema funiviario di collegamento tra il sotto-bacino di Passo Lanciano e quello di Mammarosa, che consentirà di trasportare non solo gli sciatori, ma anche pedoni e biciclette, sia d'inverno che in estate. Ovviamente, questo significa ad arrivare allo skipass unico. Ribadisco come la priorità di questo Governo regionale sia quella di unire, sviluppare e promuovere il comprensorio sciistico e turistico Passo Lanciano-Mammarosa. Pertanto – sottolinea Febbo - è indispensabile continuare a lavorare, attraverso il supporto e il suggerimento degli operatori turistici, del Parco e dei Comuni, per avere un unico bacino turistico-sciistico della Majella che deve diventare attrattiva e punto di riferimento del centro-sud Italia, e non solo. Quindi, oggi, - ha concluso l'assessore - dopo aver definito i vari progetti, accelereremo per spendere i fondi inseriti nel Masterplan che rappresentano fonte di crescita e sviluppo per l'intero comprensorio sciistico chietino-pescararese". Nel dettaglio, il progetto prevede quattro interventi: il collegamento tra l'impianto funiviario di Roccamorice e Mammarosa, la realizzazione dell'impianto di innevamento artificiale a Passolanciano, il sistema di skipass unico ed il recupero dell'edificio polivalente a Passolanciano (REGFLASH)

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Giunta Regionale

Potrebbero interessarti

Ieri, nella sala incontri della sede camerale, è stato sottoscritto il Protocollo d’intesa denominato “Parchi del Centro-Sud” tra la Camera di Commercio di Cosenza, il Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, Val d’Agri-Lagonegrese, il Parco Nazionale del Pollino e il Parco Nazionale della Sila.

La Stazione Ornitologica Abruzzese ha appena concluso il censimento del raro rapace. La Regione si conferma una delle roccaforti della specie in Italia.

Il Parco Nazionale della Majella e i Comuni dell’Area Casauriense (Bolognano, Castiglione a Casauria, Tocco da Casauria e Torre dè Passeri) hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa per un programma di valorizzazione dei patrimoni storici, architettonici e ambientali compresi nel territorio dell’alta Val Pescara e legati con la presenza del nucleo religioso dell’Abbazia di San Clemente a Casauria.

Nel corso di uno studio sono stati campionati i fondali del Lago a varie profondità. Trovate ben nove specie di macrofite, tra piante acquatiche, muschi sommersi e alghe di grandi dimensioni”.