Sabato 04 Luglio 2020

Turismo e Natura

Pascoli, boschi, beni comuni di Pescocostanzo - Regole e prospettive di una civiltà contadina di lunga durata

03/09/2013 - Redazione AbruzzoinVideo

Pescocostanzo, auditorium San Nicola, giovedì 29 e venerdì 30 agosto 2013

convegno pubblico organizzato dal Comune di Pescocostanzo con:

Dipartimento di Gestione Sistemi Agrari, Alimentari e Forestali dell’Università di Firenze; Fondazione Benetton Studi Ricerche; Società Geografica Italiana.

 

La nuova attenzione verso il Bosco di Sant’Antonio di Pescocostanzo, testimoniata in quest’ultimo biennio dal catalogo nazionale dei Paesaggi rurali storici e dal Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino 2012, ha di fatto aperto un terreno di dialogo tra l’istanza vitale di proteggere il patrimonio naturale e la concreta prospettiva di un’economia e di una civiltà agro-silvo-pastorale capace di governare quel patrimonio. Dalla riflessione sul valore persistente dei beni comuni e sulla forza delle storiche regole degli usi civici, possono emergere forme innovative di responsabilità delle comunità per la cura dei luoghi.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il vessillo rappresenta la certificazione delle migliori spiagge a misura di bambino

Una rete internazionale si è mobilitata per garantire un lieto fine alla storia di questi orsi che passeranno il resto della loro vita nel centro visite del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Non solo due imprenditori ma due famiglie che hanno creduto fortemente in un progetto, anzi in un sogno diventato ora realtà. La società Sini di Donato Di Campli e Fabrizio Petronti - il nome nasce dalle iniziali delle rispettive signore Simona e Nicoletta – ha realizzato e presentato oggi alla stampa e alle autorità Supporter Deluxe Hotel, albergo a 5 stelle.

Sarà sede anche di Punto blu