Mercoledì 08 Luglio 2020

Turismo e Natura

Parco Majella, due nuovi nati nell'area faunistica del Camoscio appenninico di Lama dei Peligni

19/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

Sono i piccoli camosci che iniziano a scoprire il loro habitat naturale, pareti rocciose e pendii, sotto lo sguardo vigile delle loro mamme

Vederli saltellare tra i ginepri, all'ombra delle mamme che pascolano, a sperimentare per la prima volta le rocce che saranno il loro rifugio, è un'immagine bellissima della vita che continua sulle montagne abruzzesi, luogo sempre più idoneo alla procreazione.  Sono i due nuovi nati nell'area faunistica del Camoscio appenninico di Lama dei Peligni. Il "Camoscio più bello del mondo", come molti lo definiscono, ha ormai una popolazione stabile in Appennino e la sua più consolidata colonia nel Parco Nazionale della Majella, dove si contano più di 1500 individui. Lo stato di buona salute della popolazione attuale deriva anche dalle grandi attività di conservazione svolte in passato, e dal captive breeding (allevamento in area faunistica) condotto per anni dai tecnici del Parco a Lama, che ha consentito di rinforzare la popolazione e contribuire alla nascita delle due neo colonie sui Sibillini e sul Sirente. E pensare che questa specie rischiava l'estinzione sulle montagne d'Abruzzo agli inizi del secolo scorso.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Un gruppo di donne del Sangro si lancia nella bella sfida di organizzare e gestire attività di turismo sostenibile nei piccoli borghi.

L'area attrezzata per le persone diversamente abili che l’Amministrazione comunale, guidata da Di Giuseppantonio ha realizzato nel 2017 nei pressi della piazzetta del bancomat.

Il vessillo rappresenta la certificazione delle migliori spiagge a misura di bambino

Una rete internazionale si è mobilitata per garantire un lieto fine alla storia di questi orsi che passeranno il resto della loro vita nel centro visite del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.