Mercoledì 27 Maggio 2020

Turismo e Natura

Ortona, dopo la calma del Covid il Fratino di nuovo a rischio, l'allarme lanciato dalla Soa

13/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Ortona, dopo la calma del Covid il Fratino di nuovo a rischio, l'allarme lanciato dalla Soa

A distruggere i nidi della rarissima specie di uccello sono i cani lasciati in libertà sulla spiaggia: La Soa lancia un appello ai proprietari e chiede più controlli

La Stazione Ornitologica Abruzzese lancia un grido d’allarme ed un appello ai proprietari dei cani ed agli animalisti , dopo che alcuni nidi di fratino sono stati distrutti con la perdita delle uova nel tratto dunale tra le foci dei fiumi Arielli ed il fiume Foro ed i primi pulcini nati ancora non capaci di volare sono particolarmente vulnerabili.

 

Gli ornitologi dell'associazione hanno rilevato che fin dal 2006 quel tratto di costa risulta essere il sito a più’ alta concentrazioni di nidi della costa abruzzese. Nonostante un lungo periodo di calma lungo il litorale sabbioso di Ortona determinato dai divieti di circolazione imposti come conseguenza del COVID, i pericoli per la rarissima specie di un uccello caratteristico delle spiagge tornano come e più di prima nonostante l’impegno di tante associazioni e volontari.Il pericolo più preoccupante, già denunciato dalla SOA e da altre associazioni,sono le 2 nuove concessioni ad altri balneatori per l’accesso alle quali il 20 maggio scade il termine per la partecipazione al bando: ambedue sono situate esattamente dove,proprio in questi giorni, c’e’ stata la schiusa di tre uova andata a buon fine. La Soa si augura che "nessuno accolga l’invito dell’amministrazione e che questo ormai raro tratto di spiaggia libera resti tale per la libera fruizione dei fratini e dei cittadini". Il problema che la Soa tiene a sottolineare e' quello determinato dall’ abitudine che hanno alcuni proprietari di cani di lasciarli liberi di scorrazzare lungo l’arenile con la probabilità di disturbare o mettere in pericolo i nidi di fratino. I volontari hanno documentato già due i casi di distruzione di nidi con uova a causa della attività incontrollata dei cani.

"Molti, a dire il vero, quando vengono attenzionati dai volontari si scusano non conoscendo il problema e provvedono a tenere al guinzaglio i loro amici a quattro zampe ma non sempre è così e non sempre questo invito viene accolto. - si legge in una noa della Stazione Ornitologica Abruzzese - Sarebbe utile che nei pressi dei vari accessi alla spiaggia vengano posizionati cartelli informativi semplici e chiari che illustrino le regole che disciplinano la presenza degli animali domestici sull’ arenile". La SOA chiede pertanto una maggiore sensibilità ai possessori dei cani e confida nella attività di sorveglianza già in atto da parte della Capitaneria di Porto e dei Carabinieri forestali considerato che la distruzione dei nidi è espressamente vietata dalla Legge 157/1991. "A proposito della presenza di cani vaganti - conclude la Stazione Ornitologica - è da ricordare inoltre che è comunque meglio portarli al guinzaglio anche perché, come dimostrato anche dalle foto inequivocabili delle impronte sulla sabbia, il tratto di costa sabbiosa ortonese è frequentato seppure saltuariamente anche dai cinghiali che si spingono fino in riva al mare".

 

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Ortona Animali

Potrebbero interessarti

Il Parco Nazionale della Majella è pronto ad ospitare il "Sentiero dei Parchi", idea a cui lavorano il Ministero dell'Ambiente insieme al Club Alpino Italiano.

Febbo: lavoriamo per uno specifico emendamento per sostenere questa categoria

Grazie al monitoraggio intensivo che il Personale della Riserva Naturale Regionale Monte Genzana Alto Gizio svolge da alcuni anni, nel corso del 2019 si è riusciti a censire un numero minimo certo di 12 individui di Orso bruno marsicano, che hanno frequentato stabilmente il territorio del Comune di Pettorano sul Gizio.

Sono i piccoli camosci che iniziano a scoprire il loro habitat naturale, pareti rocciose e pendii, sotto lo sguardo vigile delle loro mamme