Venerdì 23 Aprile 2021

Sanità

Seminario del prof. Franco Locatelli sul genome-editing

31/03/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Seminario del prof. Franco Locatelli sul genome-editing

Venerdì 26 Marzo 2021 si è tenuta una Conferenza del Prof. Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Sapienza e attuale Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico per l’emergenza epidemiologica da Covid-19, sul genome-editing come approccio per il trattamento delle Emoglobinopatie.

Il Seminario si colloca nell’ambito delle Conferenze divulgative e formative del Piano Lauree Scientifiche per i corsi di Laurea in Scienze Biologiche e Biotecnologie. Il Seminario ha costituito l’occasione per illustrare ad un vasto pubblico gli attuali risultati della ricerca scientifica nel campo della terapia genica. In particolare il prof. Locatelli, Direttore del Dipartimento di Oncoematologia e Terapia Cellulare e Genica, IRCCS Ospedale Bambino Gesù di Roma, ha fatto il punto sul trattamento delle emoglobinopatie tramite editing del genoma via CRISPR-CAS9. Questa tecnologia biomolecolare innovativa permette la “correzione” del DNA ad altissima precisione. Grazie all’utilizzo della proteina CAS9 è possibile tagliare o modificare specifiche sequenze del DNA di una cellula portando alla correzione genetica di varie malattie. L’ottima riuscita dell’iniziativa, diretta anche ai nostri studenti di area Biomedica in formazione - afferma il prof. Francesco Giansanti delegato del Rettore alle Attività di Orientamento di Ateneo – ha rappresentato anche un’importante occasione di azione di Orientamento rivolta ad un pubblico più ampio se si considera che la Conferenza è stata seguita da oltre 20 Istituti di Istruzione Secondaria regionali e non, riscontrando un’ampia ed attiva partecipazione da parte di più 3.500 tra studenti e docenti.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Le associazioni e organizzazioni sindacali dell’Osservatorio Salute Mentale Abruzzo sollecitano, in una lettera, importanti interventi dalla Regione sul tema della Salute Mentale. “Le norme ci sono, ma perché queste norme diventino efficaci occorrono più risorse e occorre una forte attività di programmazione, valutazione e monitoraggio da parte della Regione”. 

Ad eseguire il bio impianto su due pazienti è stata l'equipe guidata dal primario Enzo Di Prinzio.

La Asl Lanciano Vasto Chieti oggi ha dato il via ufficialmente a questi due investimenti attesi da tempo.

Ad occuparsi della prevenzione del disturbo da gioco d’azzardo saranno gli operatori del Serd, il servizio per le dipendenze patologiche, Maria Buchicchio e Gaetano Ruggieri, psicologi, Loriana Mangifesta e Paolo Tondo, assistenti sociali.