Domenica 08 Dicembre 2019

Sanità

Sanità: nuovi spazi per la Chirurgia di Lanciano, più comfort per i malati

27/06/2018 - Redazione AbruzzoinVideo

Era una realizzazione attesa da tempo, all’ospedale di Lanciano, per almeno due ragioni: dare una collocazione più confortevole ai pazienti della Chirurgia e Urologia e liberare i vecchi spazi così da poterne prevedere la ristrutturazione. Una nuova ubicazione, quindi, per l’unità operativa diretta da Lorenzo Mazzola, che fra qualche giorno si trasferirà nell’ex Geriatria, appena ultimata dopo una complessa opera di riqualificazione.
I nuovi ambienti sono stati aperti e presentati al pubblico questa mattina nel corso di un evento a cui hanno preso parte il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Pasquale Flacco, il sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, l’assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci, rappresentanti delle istituzioni, del volontariato e personale dell’ospedale. 
La Chirurgia compie dunque un salto di qualità importante sotto il profilo del comfort alberghiero e della disponibilità di spazi, perché il reparto si estende su una superficie di 900 metri quadrati, ed è dotato di 23 posti letto, sette ambulatori, infermeria, cucinetta, spogliatoi e studi.
Lungo e impegnativo il restyling degli ambienti, che ha previsto la sostituzione di pavimenti e infissi, l’adeguamento di tutti gli impianti, compreso l’antincendio, controsoffitti, segnaletica e varie migliorie strutturali. I lavori, durati 18 mesi, hanno richiesto un investimento di 320 mila euro, a cui l’Azienda ha fatto fronte con fondi recuperati dal proprio bilancio.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Adriana, una nonna di Lanciano, ha voluto omaggiare l'Unità operativa e i piccoli venuti alla luce troppo presto con le babbucce fatte ai ferri da lei.

Si è tenuta Ieri, nella sede della ASL di Pescara, una Conferenza Stampa per illustrare gli interventi eseguiti e quelli programmati a breve per l'abbattimento delle barriere architettoniche nell’Azienda

Quattro i bandi che riguardano l'assunzione di 14 anestesisti, quattro radiologi, quattro ginecologi.