Sabato 21 Maggio 2022

Sanità

Sanità: l'assessore Verì: 17 hub e 70 postazioni mobili per la campagna vaccinale in Abruzzo

16/01/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Sanità: l'assessore Verì: 17 hub e 70 postazioni mobili per la campagna vaccinale in Abruzzo

La Regione Abruzzo potenzia ulteriormente l’organizzazione della campagna vaccinale, con un’attenzione particolare ai più piccoli e agli over 50 non ancora in regola con l’obbligo vaccinale che scatterà nei prossimi giorni.

Aumento degli slot disponibili sulla piattaforma di prenotazione, open day e open night riservati a bambini e over 50, team mobili dislocati sul territorio. La Regione potenzia ulteriormente l’organizzazione della campagna vaccinale, con un’attenzione particolare ai più piccoli e agli over 50 non ancora in regola con l’obbligo vaccinale che scatterà nei prossimi giorni.

“La nostra rete – commenta l’assessore alla Salute, Nicoletta Verì – si è rivelata vincente, come riconosciuto in questi giorni anche dal generale Saverio Pirro, delegato della Struttura commissariale nazionale, che ha evidenziato come l’Abruzzo abbia superato di gran lunga i target di somministrazione fissati dal generale Figliuolo: la scorsa settimana la media è stata di 12600 inoculazioni giornaliere, con un consistente e costante aumento di prime dosi. Siamo tra le prime regioni italiane per efficienza, grazie all’impegno dei sanitari e dei volontari che stanno collaborando alla campagna”.

La rete regionale vede in campo 17 hub vaccinali attivi, 70 spoke fissi e mobili dislocati su tutto il territorio (comprese le 2 squadre dell’Esercito, al lavoro nei comprensori Chieti-Pescara e L’Aquila), coordinati dal referente regionale Maurizio Brucchi. In Abruzzo l’83.63 per cento della popolazione vaccinabile ha ricevuto almeno una dose, in linea con la media nazionale dell’83.05. Il 3 per cento è in attesa della seconda dose (il dato italiano è il 4), mentre sulla terza dose la media è del 43 per cento, anche questo in media nazionale. - si sottolinea nella nota della Regione Abruzzo - Va sottolineato come alcuni dati possano risultare inferiori per la modalità di calcolo delle statistiche, che si basano sulla popolazione residente Istat e non sul numero degli effettivamente assistiti dal sistema sanitario regionale, che sono 72mila in meno dei residenti (perché domiciliati, dunque con l’assistenza medica primaria, altrove)

Per quanto riguarda la fascia over 50 (la platea potenziale è pari a 607497 persone), il 93 per cento ha ricevuto almeno una dose, l’88.5 la seconda e il 55.6 la terza. Entro il 31 gennaio dovranno dunque (in base all’obbligo vaccinale) ricevere almeno la prima somministrazione ancora 40492 cittadini, anche se il numero è notevolmente inferiore, perché al totale vanno sottratti gli esenti, i guariti da meno da 6 mesi e coloro che, pur residenti anagraficamente in Abruzzo, sono domiciliati altrove. Spiega l'assessorato alla sanità.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

“Lascio la migliore cardiologia della provincia di Chieti. Lo dico perché è vero, e con il conforto dei numeri, che parlano chiaro”. Queste le parole di congedo di Luigi Leonzio, che ha guidato l’Unità operativa per vent’anni, e che questa mattina, dopo il collocamento a riposo, ha formalizzato il passaggio di consegne a Enrico Di Girolamo, insediato da qualche giorno.

Costruire una squadra affiatata all’interno del reparto, fare rete con gli altri ospedali, lavorare in integrazione con il territorio: questi gli intenti espressi da Nanda Furia al primo giorno di lavoro da primario della Cardiologia di Vasto.

L'assessore regionale ha annunciato aggiunge che la Asl ha già avviato diverse procedure di reclutamento, che serviranno a potenziare gli organici.

Si tratta di una malattia virale devastante e altamente contagiosa che colpisce i suini domestici e i cinghiali