Mercoledì 06 Luglio 2022

Sanità

San Salvo, riaperto il Centro anziani Evaristo Sparvieri

28/02/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
San Salvo, riaperto il Centro anziani Evaristo Sparvieri

Una riapertura che ha un forte valore simbolico dopo la pandemia

“Oggi abbiamo riaperto il Centro anziani ‘Evaristo Sparvieri’ in nuovi e accoglienti locali per riprendere tutte le numerose attività dopo la chiusura della struttura della villa comunale che non presenta i necessari requisiti di sicurezza. Si riparte con rinnovato slancio per consentire agli anziani momenti di socialità per sentirsi più integrati e impegnati nella vita della città”.

E’ il messaggio del sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca in occasione della riapertura in via Liquirizia del Centro anziani Evaristo Sparvieri. E’ stato il vicesindaco Giancarlo Lippis a tagliare il nastro tricolore per una riapertura che ha un forte valore simbolico rispetto alla pandemia che ci ha costretti a interrompere le relazioni sociali. “Abbiamo bisogno di stare insieme, di fraternizzare e di portare avanti le tanti attività che negli anni avete portato avanti presso il Centro”.

Ha dichiarato Lippis che ha aggiunto: “Siete fondamentali per le vostre famiglie, per tramandare le tradizioni della città” ringraziando il presidente Antonio Santini per avere mantenuto uniti tutti i soci nonostante la chiusura della struttura. Erano presenti la presidente delle Politiche sociali, Marilena Sarchione, gli assessori Maria Travaglini e Tony Faga e la consigliera Carla Esposito. La sede è stata benedetta da don Beniamino Di Renzo, parroco della chiesa di San Nicola vescovo, che ha tra l’altro ricordato il valore dei nonni nella sua formazione: “Avete ancora tanto da dare nella bellezza dello stare assieme” .

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Obiettivo prevenire situazioni di forte criticità.

L'assessore alla sanità della Regione Abruzzo fa alcune precisazioni dopo aver appreso della protesta del dottor Nando Del Giovane, in sciopero della fame da ieri davanti all’ospedale di Pescara.

Saranno posizionate ambulanze con infermiere di area critica per prestare soccorso qualificato in regime di urgenza. Per l’assistenza sanitaria di base, invece, i turisti potranno rivolgersi a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta presenti sul territorio.

Il dottore ha guidato l’unità operativa negli ultimi anni ed è stato nominato a seguito di un avviso pubblico bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.