Mercoledì 05 Agosto 2020

Sanità

Pescara,inaugurato il Covid Hospital,struttura realizzata in tempi record

15/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara,inaugurato il Covid Hospital,struttura realizzata in tempi record

Marsilio:"Consegniamo alla città e all'intera regione una struttura d'eccellenza, con quindici giorni di anticipo rispetto alla data di consegna prevista e un risparmio di due milioni e mezzo di euro".

E' stato inaugurato ieri pomeriggio a Pescara il nuovo Covid Hospital. La nuova struttura, realizzata all'interno della palazzina ex Ivap, da tempo fatiscente, si estende su 4 livelli ed ha 181 posti letto, 40 dei quali di terapia intensiva,era già in parte operativa da fine maggio per far fronte all'emergenza coronavirus. Il nuovo ospedale è stato realizzato in tempi record, completato in meno di 90 giorni, i lavori sono stati realizzati dalla Omnia Servitia Srl. Per la realizzazione della struttura, al servizio della rete sanitaria della Regione Abruzzo, sono stati messi a disposizione 11 milioni di euro da Dipartimento nazionale della Protezione Civile (7 milioni) e Banca d'Italia (3 milioni). "Consegniamo alla città e all'intera regione una struttura d'eccellenza, con quindici giorni di anticipo rispetto alla data di consegna prevista e un risparmio di due milioni e mezzo di euro". Ha detto il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, intervenuto all'inaugurazione dell'ospedale Covid. "Abbiamo preso un locale abbandonato - ha spiegato il Presidente - una delle tante incompiute e in meno di 90 giorni siamo riusciti a realizzare un centro di eccellenza del quale dobbiamo essere fieri. Se mai dovesse arrivare un nuovo picco di contagio, avremo una struttura capace di fare fronte a qualsiasi emergenza". Marsilio ha poi ricordato che la realizzazione del padiglione è avvenuta seguendo i principi della massima trasparenza amministrativa e del risparmio. "Un esempio - ha detto - di capacità manageriale. L'opera che consegniamo si inserisce nel piano complessivo della rete sanitaria regionale che rappresenta motivo di orgoglio. La nostra è passata dall'essere una regione "canaglia" per la gestione della sanità a una delle prime in Italia per capacità di progettare e attuare quanto previsto". Presente alla cerimonia, che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo politico e della amministrazione regionale, anche l'assessore alla Sanità, Nicoletta Verì. "Per noi - ha sottolineato l'assessore - si tratta di un punto di arrivo importante, che fa della Regione Abruzzo una tra le prime in Italia. A renderci ancora più soddisfatti è sapere che anche dopo l'emergenza Covid questa struttura rimarrà a disposizione della rete ospedaliera a differenza di quanto accaduto in altre città dove gli ospedali Covid sono stati smantellati". L'assessore Verì ha poi ringraziato il personale sanitario e tutti coloro che hanno lavorato per la realizzazione della struttura: "Una felice sinergia e un esempio di buona pratica a livello nazionale e internazionale". Alla cerimonia di inaugurazione, oltre al sindaco di Pescara, Carlo Masci, è intervenuto anche il direttore generale facente funzioni, Antonio Caponetti, cui subentrerà, a partire da lunedì 20, il nuovo direttore generale della Asl di Pescara, Vincenzo Ciamponi.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il manager sottolinea che per sistemare l'intero ospedale occorrerebbero 30 milioni di euro ma ci si muoverà passo dopo passo e solo se ci saranno fondi. Schael annuncia che si punterà in primis sull'Utic.

Voucher gratuiti agli operatori sanitari delle 4 Asl Abruzzesi per ringraziarli di quanto fatto nell'emergenza Covid-19

Di Giosia: “Io ho un unico grande e vero obiettivo: dare ai cittadini teramani i migliori servizi sanitari possibili"

Il presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale sottolinea la necessità di realizzare prima possibile una struttura completamente nuova