Venerdì 19 Luglio 2024

Sanità

Orsogna, riparte l'attività sanitaria. La Asl investe 200 mila euro

26/08/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Orsogna, riparte l'attività sanitaria. La Asl investe 200 mila euro

Stamane nel corso di un sopralluogo è stata espressa la volontà di riattivare la struttura dotandola di strumenti e nuovi servizi rispetto al passato

Ripristinare al più presto a Orsogna i servizi assistenziali di cui le comunità locali hanno necessità: questo l'impegno assunto questa mattina al termine del sopralluogo effettuato nel Punto di erogazione di via Magno, a cui hanno preso parte la Direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti, con gli staff tecnici, e rappresentanti delle istituzioni locali e regionali.

È stata espressa la volontà, ampiamente condivisa, di riattivare la struttura dotandola di strumenti e nuovi servizi rispetto al passato, a partire dalla specialistica ambulatoriale e dalla presenza dei medici di medicina generale, che hanno già aderito alla richiesta dell'Azienda sanitaria di trasferire gli studi all'interno del Punto di erogazione. Anche i prelievi saranno ripristinati.

Quanto alle attrezzature, è stata stimata la necessità di una dotazione che richiede un investimento di circa 200 mila euro per l'acquisto di un sistema holter, ecotomografo, elettrocardiografo, glucometro, spirometria e apparecchio per emogasanalisi, e per gli interventi di adeguamento. Vista l'impossibilità di attingere ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che finanzia strutture di altre dimensioni, la Direzione Asl impegnerà fondi propri dal bilancio 2023. Il direttore generale della Asl, Thomas Schael, ha chiesto la definizione univoca degli ambiti sociale e sanitario di appartenenza per Orsogna, che al momento fa riferimento rispettivamente a Guardiagrele e Ortona: l'uniformità si rende necessaria, infatti, ai fini di una maggiore efficienza pratica e organizzativa, a tutto vantaggio degli utenti che potranno avere risposte integrate e più tempestive.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La volontà della Regione Abruzzo di individuare la zona di Villa Mosca per la costruzione del nuovo ospedale ci soddisfa pienamente dichiara in una nota il segretario provinciale UGL Salute Stefano Matteucci.

Verì: Già deliberato l’incremento di risorse per la realizzazione del nuovo nosocomio

Le novità in tema della revisione del vincolo di esclusività del professionista sanitario pubblico dipendente, introdotte nel periodo pandemico, vengono prorogate e riviste, in funzione della perdurante e profonda crisi della presenza di professionisti sanitari nel sistema salute italiano.

All’ospedale di Chieti l’équipe di Umberto Benedetto, Direttore del Dipartimento Cuore e della Cardiochirurgia, ha aperto la strada alla cardiochirurgia robotica con un intervento di bypass coronarico utilizzando il “Da Vinci” in dotazione all’ospedale.