Lunedì 06 Febbraio 2023

Sanità

Nuovo ecografo alla Senologia chirurgica dell'ospedale di Ortona grazie a una generosa raccolta fondi

05/01/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Nuovo ecografo alla Senologia chirurgica dell'ospedale di Ortona grazie a una generosa raccolta fondi

La Senologia chirurgica dell'ospedale di Ortona ha un nuovo ecografo grazie alla generosità delle persone che hanno partecipato a una raccolta fondi coordinata dalla presidente, Patrizia Bonora, e dalle volontarie dell'associazione Gaia onlus.

L'iniziativa ha potuto contare sull'apporto fondamentale del sindaco, Antonio Masciarelli, e degli abitanti di San Martino sulla Marrucina e sulla disponibilità di Maria Cristina Pacca.

«A loro e a quanti hanno partecipato alla raccolta fondi va il ringraziamento sincero e di cuore mio e di tutto il personale della Senologia chirurgica - ha commentato con soddisfazione il direttore dell'unità operativa, Simona Grossi -. A questo ecografo si aggiungerà un secondo acquistato con i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), il cui arrivo è previsto per il prossimo marzo.

Questa nuova dotazione di apparecchiature garantirà un'assistenza alle pazienti ancora più efficace. Dopo due anni, in cui abbiamo avuto un solo ecografo in funzione, potremo lasciarci alle spalle una situazione critica. Non solo: dopo dieci anni potremo tornare alla configurazione ottimale di tre ecografi rispettivamente per visite senologiche, diagnostica interventistica ecoguidata e medicazioni complesse».

Il collaudo e la conseguente messa in funzione dell'ecografo appena arrivato sono previsti intorno alla metà di gennaio, in base al calendario che sarà definito con l'Ingegneria clinica della Asl Lanciano Vasto Chieti e con la ditta che ha fornito l'apparecchiatura.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Da ieri gli operatori del 118 di Chieti, gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto di Pescara, all’interno del quale hanno aperto un ambulatorio dedicato.

Il direttore Thomas Schael «La nostra Emodinamica è come se portasse il suo nome, perché lui l’ha voluta e costruita un pezzo alla volta, fino ad avere un reparto moderno, attrezzato e confortevole

Un nuovo macchinario di estrema precisione che consente maggior velocità e permette di passare dal trattamento di 500 pazienti all’anno a 800 prestazioni.

“Una donazione importante, che testimonia quanto sia preziosa per un ospedale l’attività del volontariato e delle energie positive che riesce a mobilitare”.