Venerdì 29 Maggio 2020

Sanità

Nuovi progetti per l'Istituto Diagnostico “Madonna del Ponte” di Lanciano

21/12/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

La sua storia affonda le radici in tempi lontani, a raccontarla ci sono le foto rigorosamente in bianco e nero e i ricordi di chi da decenni conosce e frequenta lo studio radiologico “Gaetano Colalè”, una struttura che per professionalità e lungimiranza ha precorso i tempi, conquistando un ruolo importante nel panorama della sanità abruzzese.

“Una storia lunga più di un secolo” commenta il dott Moreno Camponetti che ha raccolto una eredità significativa e lo ha fatto con la volontà e la determinazione di restituirle nuova linfa e nuova vita e di ampliare l'offerta medico-sanitaria. Amministratore dell'Istituto Diagnostico “Madonna del Ponte”, ora si chiama cosi, e la scelta del nome non è stata casuale “abbiamo voluto conservare un legame forte con Lanciano e quale scelta migliore se non chiamarla come la Patrona della città. Guardiamo avanti con lo spirito di chi vuole dare risposte alle richieste di salute del territorio, puntiamo alla prevenzione in termini concreti e dopo gli incontri tenuti da nostri professionisti e indirizzati alle donne che vivono un periodo delicato come la menopausa, abbiamo deciso di portare avanti questo progetto con altri appuntamenti rivolti a tutti. Sono convinto che non ci può essere prevenzione se non c'è una corretta informazione”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nasce il Consorzio nazionale FIBER e rivoluziona il welfare aziendale: non “solo” benefit ma veri progetti di welfare sociale

Pubblicato nei giorni scorsi sulla Rivista scientifica “Radiotherapy & Oncology”, rivista ufficiale della Società europea di Radioterapia oncologica e con impact factor di 5.2, un importante articolo a firma di 18 Centri di Radioterapia Oncologica italiani

Il sindaco Magnacca ribadisce il ruolo della struttura sanitaria e dopo l'arrivo della nuova risonanza magnetica ringrazia Regione ed Asl per il loro impegno