Giovedì 09 Luglio 2020

Sanità

Nuove ambulanze per il 118 della provincia di Chieti

11/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Nuove ambulanze per il 118  della provincia di Chieti

Tre nuove ambulanze pronte a essere utilizzate, altre cinque sono in arrivo a settembre: la Asl Lanciano Vasto Chieti e la Regione Abruzzo potenziano le attività del 118 nel territorio della provincia di Chieti acquistando mezzi più moderni per migliorare l’efficienza delle prestazioni sanitarie di emergenza e urgenza garantite ai cittadini.

A darne notizia e Giulietta Capocasa, direttore generale facente funzioni della Asl, la quale mette in evidenza anche l’importanza della dotazione a bordo di tablet digitali collegati direttamente con il sistema gestionale della rete, così da avere a disposizione il codice di gravità, i riferimenti e soprattutto il luogo di intervento, con annessa cartografia, con risparmio di tempo assolutamente prezioso. «I vecchi mezzi hanno fatto il loro tempo - sottolinea Antonio Caporrella, direttore del Dipartimento emergenza e accettazione - con le nuove ambulanze i soccorsi in emergenza guadagneranno in efficienza e tempestività, a tutto vantaggio dell’ampio territorio servito»



 Interessate dall’aggiornamento saranno da subito le postazioni del 118 di Ortona e Chieti e, a seguire, Vasto, Gissi e Guardiagrele. «Quest’ultima - ricorda il responsabile del 118 di Chieti, Dante Ranalletta - dal prossimo anno riprenderà l'attività di emergenza-urgenza sul territorio». Altra particolarità delle nuove ambulanze, messa in luce da MIchele Cozza, infermiere che ha seguito la fase di allestimento, è una particolare strumentazione, altamente tecnologica, che permette la sanificazione continua e duratura attraverso particolari luci che, a contatto con le pareti del vano sanitario, eliminano virus e batteri, garantendo una maggiore igiene e sicurezza per i pazienti.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

118

Potrebbero interessarti

Infiltrazioni d'acqua ripetute nel tempo e presenza di un solaio “Sapal”, materiale molto in uso negli anni ‘50 e particolarmente esposto a fenomeni di distacco: queste le cause che hanno generato il crollo di una porzione di controsoffitto in due stanze della Chirurgia dell'ospedale di Vasto, coinvolgendo anche la sovrastante Sala parto.

E' la prima volta che la Regione predispone un piano normativo su questa sindrome che colpisce sempre più persone. Soddisfatto Guerino Testa firmatario insieme a Mario Quaglieri della proposta.

Il manager della Asl Lanciano Vasto Chieti ha inviato un resoconto, dove sono indicati numeri, criticità e soluzioni adottate”.

«Sono sconcertato dalla posizione assunta dal Sindaco di Vasto. Questa Direzione sta facendo salti mortali per mettere riparo in ospedale a una situazione lasciata colpevolmente in abbandono per decenni, e lui porta le carte in Procura»: il Direttore generale della Asl, Thomas Schael, ha parole durissime verso il primo cittadino in merito ai problemi strutturali del “San Pio” che hanno causato, com'è noto, il crollo parziale del soffitto in una stanza della Chirurgia, determinando il trasferimento delle degenze in un'altra ala e la chiusura della sala parto. Il tema sarà al centro di un vertice convocato per domani mattina nell’Assessorato regionale alla Salute.