Marted 20 Ottobre 2020

Sanità

Lanciano, nessun progetto di Ospedale unico Lanciano Vasto, lo chiariscono gli assessori Nicoletta Verí e Nicola Campitelli

17/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

L'assessore alla sanità ha anche annunciato che nell'ambito del Recovery Plan la regione Abruzzo ha chiesto al Ministero un miliardo e 341 mln di euro per la ristrutturazione degli ospedali abruzzesi.

E’ di un miliardo e 341 milioni di euro la somma richiesta al Ministero della Salute da parte della Regione, per l’adeguamento e la ristrutturazione di tutti i presidi ospedalieri abruzzesi. Il programma di interventi, dopo l’approvazione, sarà finanziato con i fondi europei del Recovery Plan. Ad annunciarlo è stata l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, nel corso di un incontro – questa mattina – con gli operatori sanitari dell’ospedale di Lanciano. I lavori riguarderanno le infrastrutture e gli adeguamenti alle normative antincendio e antisismica. Nel dettaglio, per la Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila sono stati richiesti 288 milioni di euro (206 milioni per le infrastrutture, 18 per l’antincendio e 64 per l’adeguamento sismico); per la Asl Lanciano-Vasto-Chieti sono stati richiesti 364 milioni di euro (268 per le infrastrutture, 18 per l’antincendio e 78 per l’adeguamento sismico); per la Asl di Pescara sono stati richiesti 370 milioni (275 per le infrastrutture, 28 per l’antincendio e 67 per l’adeguamento sismico); per la Asl di Teramo, infine, sono stati richiesti 321 milioni (237 per le infrastrutture, 7 per l’antincendio e 77 per l’adeguamento sismico). “Ogni Asl – spiega l’assessore – ha provveduto ad una ricognizione delle proprie necessità, che sono state poi elaborate dagli uffici del Dipartimento regionale Sanità e trasmesse al Ministero, nell’ambito dell’istruttoria sul Recovery Plan. Si tratta di un’opportunità irripetibile per riqualificare i nostri ospedali, il più recente dei quali risale agli anni Ottanta”. Gli interventi proposti riguarderanno anche gli attuali ospedali di Lanciano, Vasto e Avezzano, dove è già prevista la costruzione di nuovi presidi per i quali sono già disponibili 229 milioni di euro, che saranno sbloccati dopo l’approvazione della rete ospedaliera regionale. I lavori si concentreranno su alcune porzioni dei fabbricati esistenti, che dopo l’entrata in funzione dei nuovi nosocomi potranno essere riconvertiti ad altri utilizzi, a partire dall’assistenza territoriale. L'assessore Verì ha anche chiarito che non esiste alcun progetto da parte della regione per la realizzazione di un ospedale unico Lanciano Vasto. Anche l'assessore regionale Nicola Campitelli, presente all'incontro, si è espresso in tal senso. "Sono notizie infondate - ha detto - Il nostro obiettivo è concretizzare i fondi per gli ospedali di Lanciano, di Vasto e di Avezzano. Abbiamo bisogno di nuove strutture sanitarie per questi territori, quelle attuali sono obsolete, i cittadini lo meritano" Ha detto Campitelli.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Donati dall'Istituto bancario 300.000 euro per l’acquisto dell'importante strumento diagnostico dedicato ai pazienti Covid positivi o sospetti tali.

L'Associazione Asperger Abruzzo, dopo numerose segnalazioni delle famiglie socie della propria associazione sparse su tutto il territorio abruzzese, ha inviato un appello a mezzo PEC alla ASL di Vasto – Lanciano – Chieti, alla ASL di Teramo e alla ASL di Avezzano – Sulmona- L'Aquila per chiedere che vengano adottate le misure alternative per i tamponi ai soggetti autistici seguendo il modello della ASL di Pescara che evita alle persone autistiche la sedazione per effettuare il tampone COVID,

Il manager della Asl Lanciano Vasto Chieti sottolinea che ora i fornitori non consegnano le dosi promesse e nonostante la partenza anticipata si comincia a rallentare.

Marsilio: “Nessuna emergenza per le terapie intensive”