Marted 29 Novembre 2022

Sanità

L’assessore regionale alla Salute in visita alla Ginecologia di Vasto

04/10/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
L’assessore regionale alla Salute in visita alla Ginecologia di Vasto

Nicoletta Verì ha voluto verificare quanto è stato fatto non solo in questo reparto ma anche in altri ed ha parlato anche dei prossimi investimenti in programma al San Pio

L’assessore alla Salute della Regione Abruzzo, Nicoletta Verì,ha fatto visita stamane al reparto di Ginecologia dell'ospedale di Vasto, un'occasione per allargare lo sguardo al “San Pio” in generale, sul quale la Giunta regionale ha convogliato importanti risorse per i necessari interventi di riqualificazione strutturale e potenziamento tecnologico.

L’assessore, accompagnata dal direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael, e dal direttore facente funzioni dell'unità operativa, Vincenzo Biondelli, ha voluto verificare di persona le azioni di miglioramento poste in essere per dare più comfort alle donne ricoverate, neo mamme e pazienti che necessitano di un intervento chirurgico. Il reparto è stato oggetto di una riqualificazione strutturale e dotato di nuovi ponti testaletto e di un moderno ecografo per la diagnostica avanzata.

«Ero qui quando si erano verificati i crolli del solaio causati da cedimenti strutturali - ha ricordato l'assessore - e sono qui oggi per toccare con mano quanto è stato realizzato. Questo reparto e l'ospedale di Vasto in generale hanno ricevuto grande attenzione in termini di investimenti tecnologici e interventi strutturali ed è stata una vera impresa per un'azienda con un debito strutturale importante come quello della Asl di Chieti, sul quale pure si sta lavorando. Ma siamo orgogliosi dei risultati che stiamo portando e quello della Ginecologia è solo un esempio. Senza dimenticare che prosegue l'interlocuzione con il Ministero per la costruzione del nuovo ospedale».

Sul tema degli investimenti effettuati e in corso è stato puntuale il resoconto del direttore generale, il quale ha sottolineato la necessità di rinnovare le attrezzature, in particolare le grandi macchine, datate e caratterizzate da un elevato grado di obsolescenza: «Abbiamo destinato al ‘San Pio’ 1,4 milioni di euro da fondi di bilancio per l'innovazione tecnologica - ha specificato Schael - a cui si aggiungono quelli del Pnrr per 1,5 milioni di euro, equamente distribuiti tra le unità operative che avevano maggiore necessità. In questo ospedale non si vedevano da anni investimenti di questa portata, a cui si aggiungono 650 mila euro tratti dal bilancio 2020-2021 per Radiologia e Cardiologia e 430 mila euro nell'ambito dell'emergenza Covid. È stata inoltre già ordinata la nuova risonanza magnetica, la cui installazione richiede lavori di adeguamento che richiederanno alcuni mesi. Sono tutti fatti concreti che, mi auguro, possano essere percepiti dalla comunità locale che invito a rivolgersi con sempre maggiore fiducia all'ospedale di Vasto».

Non è mancato il riferimento al personale: sono stati appena assunti due medici per la Ginecologia, mentre per gli anestesisti resta la sinergia con la Scuola di specializzazione dell'Università "d'Annunzio" di Chieti-Pescara che supporta l'attività dell'unità operativa. Infine un riferimento ai lavori: tra quelli completati e altri in corso sono stati spesi 1,5 milioni di euro, mentre si dovranno reperire altri fondi per la ristrutturazione e ampliamento della Dialisi.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I Carabinieri affiancano oggi il personale medico e paramedico delle Unità Operative Complesse dei presidi ospedalieri aquilani, svolgendo così una intensa campagna preventiva di informazione, soprattutto in favore delle fasce più deboli della popolazione, lontane dai centri clinici specializzati.

Il positivo bilancio di questi anni è stato ricordato questa mattina in un incontro promosso da Marzia Muzi, responsabile del Servizio.

'annuncio stamane all'ospedale di Ortona da parte del manager Schael che ha aggiunto che a San Salvo saranno destinati 2 tecnici di radiologia, presi dalla graduatoria di un concorso appena espletato e che inizieranno la formazione a breve, per essere pronti ad iniziare l’attività con il nuovo mammografo per la prossima primavera.

Investimento da 1 milione e mezzo di euro e dodici mesi di lavori per un Pronto Soccorso totalmente rinnovato.