Marted 18 Febbraio 2020

Sanità

L’11 febbraio a Rimini la prova scritta del concorso per infermiere, pubblicate le graduatorie della preselezione

15/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
L’11 febbraio a Rimini la prova scritta  del concorso per infermiere, pubblicate le graduatorie della preselezione

Sono 1.016 gli ammessi alla prova scritta del concorso pubblico per 30 posti da infermiere bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.

I risultati della prova di preselezione, svoltasi lo scorso 8 gennaio alla Vitrifrigo Arena di Pesaro, sono stati pubblicati sul sito Internet www.asl2abruzzo.it nella sezione “Avvisi e concorsi” (lnx.asl2abruzzo.it/b) con la sola indicazione del codice associato a ciascun candidato, in modo che ciascuno possa conoscere il proprio punteggio. Chi avesse smarrito il codice e/o la password può richiederli inviando tramite casella PEC personale un'E-mail a concorsi@pec.asl2abruzzo.it, allegando copia di un documento di identità. Sono 1.016 gli ammessi alla prova scritta del concorso pubblico per 30 posti da infermiere bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti. La data della prova scritta, già indicata dalla Commissione esaminatrice per il prossimo 11 febbraio 2020 al Palacongressi di Rimini in via della Fiera 23, sarà pubblicata e dunque formalizzata nei prossimi giorni sulla Gazzetta ufficiale dei concorsi. A Pesaro erano stati 4.438 i partecipanti alla preselezione, a fronte delle 7.821 domande pervenute. Due le sessioni, una al mattino e l’altra al pomeriggio, a ciascuna delle quali hanno partecipato lo stesso numero di candidati: 2.219.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

"La nuova organizzazione non avrà alcun impatto né sui donatori, né sui pazienti e se adeguatamente realizzata, non potrà che portare miglioramenti".

“E' un tentativo, da parte della Asl e della Giunta regionale, di ottimizzare le risorse umane (medici e infermieri) tra i tre ospedali dell’Abruzzo meridionale. Vedremo se riuscirà”.

Il coordinamento aziendale sarà di tipo ospedaliero e non appannaggio dei soli anestesisti, ma affidato a un delegato della Direzione generale.

Sono stati chiamati dalla Regione Abruzzo a sostenere con le loro professionalità il sistema di monitoraggio e sorveglianza sanitaria predisposto dalla Protezione civile per fronteggiare il diffondersi del coronavirus.