Lunedì 08 Marzo 2021

Sanità

Intervento innovativo nel reparto di cardiochirurgia dell'ospedale di Teramo con tecnica ibrida

08/10/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
 Intervento innovativo nel reparto di cardiochirurgia dell'ospedale di  Teramo con tecnica ibrida

Una nuova filosofia che si avvale della disponibilità delle più avanzate tecnologie.

Il 24 settembre scorso, all’Ospedale Mazzini di Teramo, per la prima volta, è stata messa in atto in emergenza una tecnica cardiochirurgica innovativa su un paziente che si era presentato al pronto soccorso, avendo osservato la comparsa di fiotti di sangue dalla bocca (emottisi). In precedenza era stato sottoposto, presso un altro centro, ad un intervento sull’aorta toracica discendente e, nel corso degli anni, si era verificata una progressiva dilatazione aneurismatica dell’aorta. I medici del pronto soccorso hanno subito sospettato che ci fosse una comunicazione tra l’aneurisma aortico e il polmone (fistola aorto-bronchiale); una TAC ha confermato purtoppo l’ipotesi diagnostica, mostrando uno spandimento di sangue nel parenchima polmonare. La fistola aorto-bronchiale ha un carattere di assoluta emergenza ed è incompatibile con la sopravvivenza. I nostri cardiochirurghi sono intervenuti, dunque, in emergenza, operando il paziente mediante la cosiddetta “chirurgia ibrida”. La chirurgia ibrida è un tipo di chirurgia che prevede la condivisione, in un unico atto terapeutico, di tecniche in parte chirurgiche e in parte percutanee che sono in grado di ridurre l’esposizione al trauma operatorio dei pazienti fisicamente più fragili e che presentano patologie associate. Questa scelta ha permesso così di evitare l’intervento tradizionale, molto rischioso, e l’uso della macchina cuore - polmone. La fase più importante di questa procedura innovativa è consistita nel “rivestire” internamente la porzione di arco aortico in rottura, mediante l’impianto di due endoprotesi inserite per via transcatetere da una arteria femorale. Il decorso postoperatorio è stato regolare e dopo poche ore è stato possibile svegliare il paziente. Le patologie del cuore affrontate in questa modalità sono ancora limitate in numero, ma saranno in futuro sempre più importanti. L’approccio ibrido è, di fatto, una nuova filosofia che si avvale della disponibilità delle più avanzate tecnologie nel contesto operatorio nonché della capacità di collaborazione tra diversi specialisti che, insieme, riescono ad ottenere i benefici di entrambe le procedure chirurgiche, quella tradizionale e quella meno invasiva. Un grande plauso al team cardiochirurgico della ASL di Teramo è quello che viene dalla Direzione Generale, orgogliosa della possibilità di offrire ai pazienti, anche e soprattutto in condizioni di assoluta emergenza, tecniche operatorie all’avanguardia e professionisti di altissimo livello.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Teramo Asl Teramo

Potrebbero interessarti

Il presidente della regione Marsilio: "Si tratta di un altro importante tassello di potenziamento dei servizi per tutte le patologie che interessano i cittadini".

Fissato per il 22 marzo un Consiglio Comunale straordinario sull’ospedale di Giulianova con i vertici della Regione Abruzzo e della Asl di Teramo

Il direttore generale Maurizio Di Giosia, “nostro obiettivo è non solo garantire i ricoveri ai pazienti Covid, ma salvaguardare anche quelli per patologie tempo-dipendenti o non procrastinabili. Mi riferisco, ad esempio, ai casi oncologici”.

Il sindaco annuncia anche di aver già avuto la disponibilità da parte di numerosi sanitari che provvederebbero all'esecuzione dei vaccini.