Mercoledì 06 Luglio 2022

Sanità

Inaugurati a Giulianova il Csm nell’ex Gualandi e l’Obi Covid al Pronto soccorso dell’ospedale di Giulianova

06/05/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Inaugurati a Giulianova il Csm nell’ex Gualandi  e l’Obi Covid al Pronto soccorso dell’ospedale di Giulianova

A tagliare il nastro Il direttore generale della Asl Maurizio Di Giosia, alla presenza del vescovo Lorenzo Leuzzi e del sindaco di Giulianova Jwan Costantini

Il direttore generale della Asl Maurizio Di Giosia, alla presenza del vescovo Lorenzo Leuzzi e del sindaco di Giulianova Jwan Costantini ha tagliato il nastro nella nuova sede del Centro di salute mentale, ospitato nell’’ex istituto Gualandi.

“L’inaugurazione del Centro di salute mentale è un ulteriore tassello nel potenziamento dei servizi sanitari sul territorio che la Asl di Teramo sta attuando”, ha dichiarato il direttore generale Di Giosia, affiancato dal direttore amministrativo Franco Santarelli e da quello sanitario Maurizio Brucchi, “Si tratta di un nuovo tipo di organizzazione della sanità, più moderna ed efficiente rispetto a quella tradizionale, una sanità ancor più vicina al cittadino e ai suoi bisogni”. Si è svolta poi una visita alla struttura che occupa, insieme al centro diurno, una superficie di circa 1.300 metri quadri. Poco dopo si è svolta l’inaugurazione delle cinque stanze di Osservazione breve al Pronto soccorso dell’ospedale di Giulianova. In questo caso il direttore Di Giosia ha tenuto a precisare che si tratta di interventi per dotare il Pronto soccorso di Giulianova di posti Obi per pazienti Covid positivi o sospetti, particolarmente utili in questo periodo di pandemia e che si spera, una volta finita l’emergenza, di riconvertirli per usi diversi dal Covid.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Giulianova Asl Teramo

Potrebbero interessarti

L'assessore alla sanità della Regione Abruzzo fa alcune precisazioni dopo aver appreso della protesta del dottor Nando Del Giovane, in sciopero della fame da ieri davanti all’ospedale di Pescara.

Saranno posizionate ambulanze con infermiere di area critica per prestare soccorso qualificato in regime di urgenza. Per l’assistenza sanitaria di base, invece, i turisti potranno rivolgersi a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta presenti sul territorio.

Il dottore ha guidato l’unità operativa negli ultimi anni ed è stato nominato a seguito di un avviso pubblico bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.

Nei soggetti con infezione da SARS CoV-2 l’approccio chirurgico è decisamente più complesso.