Mercoledì 06 Luglio 2022

Sanità

Guardiagrele il comune più generoso d'Abruzzo per la donazione di organi, tasso di consensi del 99,5%

20/04/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Guardiagrele il comune più generoso d'Abruzzo per la donazione di organi, tasso di consensi del 99,5%

È quanto emerge dall'ultima edizione dell'Indice del Dono, il rapporto realizzato dal Centro nazionale trapianti

E' Guardiagrele (Chieti) il comune più generoso d'Abruzzo per quanto riguarda la donazione di organi. E' quanto emerge dall'ultima edizione dell'Indice del Dono, il rapporto realizzato dal Centro nazionale trapianti che mette in fila i numeri delle dichiarazioni di volontà alla donazione di organi e tessuti registrate nel 2021 all'atto dell'emissione della carta d'identità nelle anagrafi dei 6.845 Comuni italiani in cui il servizio è attivo.

L'Indice, diffuso in occasione della 25/a Giornata nazionale della donazione degli organi che si celebra domenica prossima 24 aprile, è espresso in centesimi ed è elaborato tenendo conto di alcuni indicatori come la percentuale dei consensi, quella delle astensioni e il numero dei documenti emessi. Guardiagrele ha raggiunto un indice di 83,51/100, grazie a un tasso di consensi del 99,5% (solo 2 i no registrati nel 2021, ben 434 i sì) e a un'astensione ferma al 38,9%. Grazie a questi numeri la cittadina teatina si è piazzata in seconda posizione nella classifica nazionale dei comuni medio-piccoli (5-30mila abitanti). Nella classifica regionale, invece, al secondo posto c'è San Martino sulla Marrucina (Chieti), mentre in terza posizione troviamo Pereto (L'Aquila). Tra le province, è L'Aquila ad avere i risultati migliori: è 56/a su 107 a livello nazionale. Seguono Chieti (60/o posto), Pescara (74/o) e Teramo (99/o). Complessivamente l'Abruzzo è risultato 15/mo tra le regioni italiane, con un indice del dono di 57,26/100 (consensi alla donazione: 67,2%), poco sotto la media nazionale che nel 2021 si è attestata a quota 59,23/100 (consensi 68,9%).(Ansa)

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Guardiagrele

Potrebbero interessarti

Obiettivo prevenire situazioni di forte criticità.

L'assessore alla sanità della Regione Abruzzo fa alcune precisazioni dopo aver appreso della protesta del dottor Nando Del Giovane, in sciopero della fame da ieri davanti all’ospedale di Pescara.

Saranno posizionate ambulanze con infermiere di area critica per prestare soccorso qualificato in regime di urgenza. Per l’assistenza sanitaria di base, invece, i turisti potranno rivolgersi a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta presenti sul territorio.

Il dottore ha guidato l’unità operativa negli ultimi anni ed è stato nominato a seguito di un avviso pubblico bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.