Giovedì 09 Luglio 2020

Sanità

Gli Ordini dei commercialisti di Chieti e di Lanciano donano dispositivi di protezione per il personale degli ospedali

17/06/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Gli Ordini dei commercialisti di Chieti e di Lanciano donano dispositivi di protezione per il personale degli ospedali

I dpi sono stati consegnati stamane al direttore del Servizio prevenzione e protezione della Asl Lanciano Vasto Chieti.

I commercialisti di Chieti, insieme ai colleghi dell'Ordine di Lanciano, manifestano la loro gratitudine al personale medico e paramedico della Asl della nostra provincia per l'impegno e la dedizione profusi in questo particolare momento, attraverso la donazione di mascherine e visiere destinate agli operatori dei reparti di Malattie infettive e Rianimazione degli ospedali di Chieti e di Lanciano. I dispositivi di protezione sono stati consegnati questa mattina a Rocco Mangifesta, direttore del Servizio prevenzione e protezione della Asl Lanciano Vasto Chieti, dal presidente dell'Ordine dei commercialisti di Chieti, Filippo Rosa, dalla vice presidente, Marianna Marino, del segretario, Sandro Giandomenico, e dal segretario dell'Ordine di Lanciano, Marco Centurione.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Infiltrazioni d'acqua ripetute nel tempo e presenza di un solaio “Sapal”, materiale molto in uso negli anni ‘50 e particolarmente esposto a fenomeni di distacco: queste le cause che hanno generato il crollo di una porzione di controsoffitto in due stanze della Chirurgia dell'ospedale di Vasto, coinvolgendo anche la sovrastante Sala parto.

E' la prima volta che la Regione predispone un piano normativo su questa sindrome che colpisce sempre più persone. Soddisfatto Guerino Testa firmatario insieme a Mario Quaglieri della proposta.

Il manager della Asl Lanciano Vasto Chieti ha inviato un resoconto, dove sono indicati numeri, criticità e soluzioni adottate”.

«Sono sconcertato dalla posizione assunta dal Sindaco di Vasto. Questa Direzione sta facendo salti mortali per mettere riparo in ospedale a una situazione lasciata colpevolmente in abbandono per decenni, e lui porta le carte in Procura»: il Direttore generale della Asl, Thomas Schael, ha parole durissime verso il primo cittadino in merito ai problemi strutturali del “San Pio” che hanno causato, com'è noto, il crollo parziale del soffitto in una stanza della Chirurgia, determinando il trasferimento delle degenze in un'altra ala e la chiusura della sala parto. Il tema sarà al centro di un vertice convocato per domani mattina nell’Assessorato regionale alla Salute.