Sabato 04 Dicembre 2021

Sanità

Giornata mondiale della prematurità, Rotary club Ortona dona uno scaldabiberon alla neonatologia di Chieti

17/11/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Giornata mondiale della prematurità, Rotary club Ortona dona uno scaldabiberon alla neonatologia di Chieti

Il dispositivo è stato consegnato in ospedale dai rappresentanti del Club, presieduto da Adele Primavera, alla presenza del direttore dell'unità operativa di Neonatologia e terapia intensiva neonatale, Diego Gazzolo.

Il Rotary club di Ortona ha donato uno scaldabiberon a secco al reparto di Terapia intensiva neonatale dell'ospedale di Chieti in occasione della Giornata mondiale della prematurità che si celebra oggi per ricordare che un bambino su dieci nasce prematuro, cioè prima della 37esima settimana di gestazione.

Lo scaldabiberon è stato consegnato in ospedale dai rappresentanti del Club, presieduto da Adele Primavera, alla presenza del direttore dell'unità operativa di Neonatologia e terapia intensiva neonatale, Diego Gazzolo.

 

 

Si tratta di un dispositivo medico che permette di garantire le esigenze nutrizionali e di ridurre il rischio di contaminazione nella preparazione del latte per i piccoli pazienti. I prematuri sono neonati piccoli e vulnerabili bisognosi di cure dedicate e attenzioni particolari, ricoverati sin dalla nascita nei reparti di terapia intensiva neonatale, assistiti da personale medico e infermieristico altamente specializzato, con l'ausilio di attrezzature all'avanguardia.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Fondazione Onda conferma l’attenzione alla salute della donna

Si tratta di un riconoscimento che la Fondazione Onda attribuisce dal 2007 agli ospedali italiani 'vicini alle donne', ossia quelle strutture che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili

Una società inglese che sviluppa terapie ad RNA per malattie genetiche scheletriche rare, ha annunciato di aver esercitato l’opzione per l’acquisizione di una licenza di un brevetto, sulla base di una collaborazione con l'Università degli Studi dell’Aquila.

Il saluto della Asl: "Con tenacia, grande professionalità ed equilibrio ha consentito all'Azienda di svolgere una chirurgia di qualità, con numeri importanti".