Giovedì 12 Dicembre 2019

Sanità

Giancarlo Cicolini, della Asl Lanciano Vasto Chieti, primo infermiere ricercatore all'univesità di Bari

15/11/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Giancarlo Cicolini, della Asl Lanciano Vasto Chieti, primo infermiere ricercatore all'univesità di Bari

Cicolini, già presidente dell'Opi, Ordine delle Professioni infermieristiche della Provincia di Chieti e membro del comitato centrale della Fnopi, è primo classificato nel concorso pubblico indetto dall'Università Aldo moro di Bari per infermiere ricercatore

Un nuovo importante traguardo per Giancarlo Cicolini, già presidente dell'Opi di Chieti e membro del comitato centrale della Fnopi. E' il primo classificato al concorso pubblico dell'Università degli studi Aldo Moro di Bari per infermiere ricercatore.

Si tratta di un grande riconoscimento nell'ambito infermieristico, basti pensare che gli accademici, suddivisi in Ordinari, associati e ricercatori, sono davvero pochi, soli 39 in tutta Italia. Cicolini aveva ricevuto l'abilitazione scientifica nazionale di I fascia nel 2017 che gli ha consentito di accedere al mondo accademico. Poi la partecipazione al Concorso, che ha brillantemente superato con un voto di 73/100, conquistando la nomina di primo infermiere ricercatore MED/45, settore scientifico disciplinare, dell'Università di Bari.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Un' iniziativa volta a far sentire l'atmosfera natalizia anche nel reparto e che è piaciuta molto sia ai pazienti che al personale della Asl

Salta la riunione del Comitato ristretto della Asl Lanciano Vasto Chieti ed il manager della asl 2 ne approfitta per fare un sopralluogo all'ospedale di Lanciano ed in particolare alla Risonanza magnetica.

Consegnati i riconoscimenti dedicati alla memoria dello storico “caposala” e consigliere dell’Ordine delle professioni infermieristiche che tutela 3.400 professionisti nella provincia

"Sono state compiute dalla precedente Giunta scelte che hanno inciso pesantemente sulla qualità dei servizi di emergenza, mettendoli anche a rischio in alcune circostanze" dice il manager della Asl 02