Mercoledì 25 Novembre 2020

Sanità

Covid-19 Abruzzo, più personale e orari più lunghi ai Drive-In per recuperare i tamponi rinviati in provincia di Chieti

15/11/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Covid-19 Abruzzo, più personale e orari più lunghi ai Drive-In per recuperare i tamponi rinviati in provincia di Chieti

Organico raddoppiato e orario di lavoro prolungato per i Drive-In della provincia di Chieti nella giornata di lunedì.

La decisione è stata assunta dalla Direzione della Asl per recuperare i tamponi che non è stato possibile eseguire nel pomeriggio di sabato a causa di un problema che si era verificato a danno dei server aziendali, risolto in tempi record dai tecnici dell'Unità operativa "Informatica e reti", diretta da Vincenzo Smargiassi, che hanno ripristinato l'operatività già nella stessa serata.
Pertanto le persone che non avevano potuto sottoporsi a tampone per mancanza del collegamento informatico, necessario per poter processare i campioni, possono recarsi lunedì ai Drive-In di Atessa, Ortona e Gissi, dove sarà anche prolungato l'orario di apertura: si andrà avanti finché ci saranno persone in attesa.
Nell'occasione è opportuno ricordare che proprio da domani diventa obbligatoria la prenotazione per fare un tampone presso le postazioni mobili; si farà un'eccezione per gli utenti che dovranno recuperare la prestazione non resa sabato pomeriggio.
La modalità è semplice: una volta fatta dal medico la richiesta di tampone attraverso la piattaforma informatica Sm@rtTest, viene inviato un sms al cellulare della persona interessata con l’indicazione del link al quale collegarsi per scegliere in quale drive in recarsi dal lunedì al sabato tra Atessa (dalle ore 8 alle 14), Ortona e Gissi (entrambe dalle 8 alle 16), data e orario preferiti tra quelli disponibili per l’esecuzione del tampone. Nell’offerta sarà aggiunta anche la postazione Drive-In al Palatricalle di Chieti, attiva da mercoledì 18 novembre.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Un documento dettagliato e puntuale, che disciplina la gestione territoriale, ospedaliera e la terapia da somministrare ai pazienti Covid, delineando anche quali sono le procedure da attivare nella fase post infezione.

Grazie all'impegno del Comune è stata già allestita l'area che sarà protetta anche da un servizio di videosorveglianza.

La campagna di screening massivo interesserà la provincia dell'Aquila.

Il manager della Asl Lanciano Vasto Chieti si dice sorpreso: "Una mobilitazione di amministratori per un problema che non esiste"