Marted 20 Ottobre 2020

Sanità

Coronavirus, screening personale scolastico eseguiti finora 16763 test

25/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, screening personale scolastico eseguiti finora 16763 test

Lo annuncia l'assessore alla sanità Nicoletta Verì.

Sono 16763 i test sierologici eseguiti finora in Abruzzo sul personale scolastico, nell’ambito dello screening nazionale per contenere il contagio da Covid 19. Lo comunica l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, specificando che rispetto alla scorsa settimana si registra un incremento di 1662 esami. Nel dettaglio, nella Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila i test eseguiti sono stati 3248 (+365 rispetto al dato di venerdì scorso), nella Asl Lanciano-Vasto-Chieti 4901 (invariato), nella Asl di Pescara 4221 (+942), nella Asl di Teramo 4393 (+355). I test risultati positivi sono stati 118: 32 nella Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila (+2 rispetto a venerdì scorso), 37 nella Asl Lanciano-Vasto-Chieti (invariato), 31 nella Asl di Pescara (+8) e 18 nella Asl di Teramo (-1 per una rettifica). Per tutti sono scattati i protocolli di sicurezza e la contestuale presa in carico da parte del sistema sanitario regionale.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Coronavirus Abruzzo

Potrebbero interessarti

Donati dall'Istituto bancario 300.000 euro per l’acquisto dell'importante strumento diagnostico dedicato ai pazienti Covid positivi o sospetti tali.

L'Associazione Asperger Abruzzo, dopo numerose segnalazioni delle famiglie socie della propria associazione sparse su tutto il territorio abruzzese, ha inviato un appello a mezzo PEC alla ASL di Vasto – Lanciano – Chieti, alla ASL di Teramo e alla ASL di Avezzano – Sulmona- L'Aquila per chiedere che vengano adottate le misure alternative per i tamponi ai soggetti autistici seguendo il modello della ASL di Pescara che evita alle persone autistiche la sedazione per effettuare il tampone COVID,

Il manager della Asl Lanciano Vasto Chieti sottolinea che ora i fornitori non consegnano le dosi promesse e nonostante la partenza anticipata si comincia a rallentare.

Marsilio: “Nessuna emergenza per le terapie intensive”