Mercoledì 08 Luglio 2020

Sanità

Coronavirus, mobilitati gli infermieri dell’Opi e del Cives Chieti

07/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, mobilitati gli infermieri dell’Opi e del Cives Chieti

Sono stati chiamati dalla Regione Abruzzo a sostenere con le loro professionalità il sistema di monitoraggio e sorveglianza sanitaria predisposto dalla Protezione civile per fronteggiare il diffondersi del coronavirus.

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Chieti, presieduto da Giancarlo Cicolini, e il Coordinamento infermieri volontari emergenza sanitaria (Cives) di Chieti, guidato da Fabio Cellini (il quale è anche vice presidente nazionale dell’associazione), si sono messi a disposizione della Sala operativa della Protezione civile della Regione Abruzzo.

Hanno allertato tutti gli infermieri iscritti al Cives, invitandoli intanto a mantenere il massimo livello di professionalità, come già avvenuto in altre situazioni di emergenza, nonché a rivolgersi al Cives per una partecipazione diretta agli interventi previsti. A tal fine martedì prossimo, 11 febbraio, si terrà un corso di formazione obbligatorio sulla sicurezza aeroportuale per i volontari attivati dalla Protezione civile, senza il quale non è possibile l’accesso in aeroporto. Gli infermieri interessati a partecipare a questa esperienza e a dare il loro contributo possono mettersi in contatto con il Cives entro le ore 12 di lunedì 10 febbraio contattando il presidente Fabio Cellini al numero telefonico 347.7517414 o inviando un’E-mail a chieti@associazionecives.org.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti Opi Chieti

Potrebbero interessarti

Il manager della Asl Lanciano Vasto Chieti ha inviato un resoconto, dove sono indicati numeri, criticità e soluzioni adottate”.

«Sono sconcertato dalla posizione assunta dal Sindaco di Vasto. Questa Direzione sta facendo salti mortali per mettere riparo in ospedale a una situazione lasciata colpevolmente in abbandono per decenni, e lui porta le carte in Procura»: il Direttore generale della Asl, Thomas Schael, ha parole durissime verso il primo cittadino in merito ai problemi strutturali del “San Pio” che hanno causato, com'è noto, il crollo parziale del soffitto in una stanza della Chirurgia, determinando il trasferimento delle degenze in un'altra ala e la chiusura della sala parto. Il tema sarà al centro di un vertice convocato per domani mattina nell’Assessorato regionale alla Salute.

Dopo un iter articolato di interventi avviati da tempo, giovedì 2 luglio alle ore 9:00, si inaugura al pronto soccorso del San Salvatore la “Stanza Rosa” per le donne e tutte le vittime di violenza. Progetto promosso dal Soroptimist Club L’Aquila

Continua l'impegno del Club frentano guidato da Alberto D'Alessandro a sostegno dell'ospedale frentano.