Lunedì 25 Maggio 2020

Sanità

Coronavirus, ll sindaco di Vasto chiede la riapertura del reparto di Urologia ora dedicato solo ai pazienti Covid

19/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, ll sindaco di Vasto chiede la riapertura del reparto di Urologia ora dedicato solo ai pazienti Covid

Francesco Menna chiede di valutare il trasferimento dei pazienti ricoverati a Vasto al Covid Hospital di Pescara

“E’ fondamentale per la città e i tanti comuni vicini la riapertura del Reparto di Urologia dell’Ospedale “San Pio da Pietrelcina” di Vasto che attualmente non eroga servizi poiché lo stesso è stato, in questa fase di pandemia, dedicato esclusivamente ai paucisintomatici e ai pazienti Covid -19”. E’ quanto ha dichiarato il sindaco di Vasto, Francesco Menna. “Nel reparto, punto di riferimento per l’intero territorio abruzzese e le regioni contigue sono ricoverati solo pazienti positivi al Covid-19 - ha evidenziato il sindaco Menna - con la conseguenza che coloro che hanno patologie urologiche, anche serie, non possono accedere alle cure che necessitano di ricovero, se non per le urgenze, che vedono ritardi a causa della carenza di anestesisti. Da informazioni assunte per le vie brevi, la lista d’attesa in Provincia di Chieti conterebbe oltre 2300 prenotazioni. Molti cittadini sono stati costretti - ha concluso il sindaco di Vasto - a rivolgersi a strutture sanitarie anche fuori regione. Pertanto ho chiesto al Presidente Marsilio e all’assessore Verì di cambiare decisione e mettere in atto idonee iniziative volte a dare urgentemente riscontro ai numerosi ricoveri finora programmati, anche valutando la destinazione dei pazienti attualmente in cura al reparto vastese presso il nuovo ospedale Covid recentemente inaugurato a Pescara.”

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Coronavirus Abruzzo Vasto

Potrebbero interessarti

E’ Iniziata il 7 maggio scorso l’idoneizzazione dei donatori guariti dopo malattia da COVID 19 presso il Servizio Trasfusionale della ASL di Pescara.

Il manager della Asl: dopo l'emergenza ora il nostro impegno si sposta sul territorio con un'indagine capillare e un monitoraggio costante

Coinvolti 5.000 tra ospiti e operatori delle strutture pubbliche e private della provincia di Chieti

In vista dello sciopero nazionale in programma il 18 Giugno i sindacati chiedono un incontro urgente al presidente della Regione Abruzzo e all'assessore alla Sanità