Sabato 21 Maggio 2022

Sanità

Coronavirus, in provincia di Chieti l'80% dei ricoverati con la variante Omicron

17/01/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, in provincia di Chieti l'80% dei ricoverati con la variante Omicron

Quando l’infezione è in fase avanzata e si rende necessario il ricovero, non si può neanche far ricorso alle cure con anticorpi monoclonali o con l’antivirale da poco a disposizione degli specialisti, perché entrambe vanno utilizzati ai primi sintomi e in ambito domiciliare

La variante Omicron non è poco più di un raffreddore, perché è quella prevalente tra i 113 pazienti ricoverati alla data di oggi negli ospedali di Chieti e Vasto. Il dato emerge da un’analisi condotta dal Cast, il Laboratorio dell’Università “D’Annunzio” che ha sequenziato i test pervenuti negli ultimi giorni per verificare la diffusione delle varianti tra i degenti.

Particolarmente rilevante il dato riferito alla Rianimazione, dove la presenza della Omicron è raddoppiata, passando dal 23% al 56% dei pazienti intubati Questi i dati relativi alla occupazione dei posti letto Covid oggi: a Chieti 11 in Rianimazione, 30 in Malattie Infettive, 23 in Clinica Geriatrica, 23 in Medicina, 11 in Pneumologia, 6 bimbi in Terapia Intensiva Neonatale nati da mamme contagiate e 9 a Malattie Infettive a Vasto. Come dato generale la variante Delta è presente nel 17% dei ricoverati, con prevalenza in Pneumologia e Geriatria, mentre l’altra è diffusa nell’83%. La stima è stata compiuta sui campioni provenienti esclusivamente dai presidi ospedalieri della provincia di Chieti tra il 12 e il 15 gennaio, e non riguarda i test eseguiti nei Drive-In o in ambito domiciliare.

“I numeri descrivono una realtà che si presta a una doppia lettura con la lente della politica sanitaria - chiarisce il Direttore generale della Asl Thomas Schael - perché da un lato mettono in luce la pressione che si sta di nuovo esercitando sui nostri ospedali, dove la disponibilità di posti è ormai al limite, dall’altro correggono il tiro rispetto alla narrazione passata fin qui sulla presunta scarsa pericolosità rappresentata dalla variante Omicron. Che non è affatto leggera nelle possibili conseguenze, ed è all’origine dei ricoveri nell’80 per cento dei casi nella nostra Asl. E, com’è noto, quando l’infezione è in fase avanzata e si rende necessario il ricovero, non si può neanche far ricorso alle cure con anticorpi monoclonali o con l’antivirale da poco a disposizione degli specialisti, perché entrambe vanno utilizzati ai primi sintomi e in ambito domiciliare”.

A tal proposito sono stati resi noti anche i dati sull’impiego di tali farmaci: 369 malati sono stati curati e guariti con gli anticorpi monoclonali, mentre 5 sono in trattamento con il farmaco antivirale. I numeri, oltre a descrivere la situazione dei contagi, suggeriscono un orientamento preciso: incentivare la vaccinazione, sia in ordine alle prime dosi che alle booster, la cui protezione dalla malattia grave è provata da tutti gli studi. Finora in provincia di Chieti sono state somministrati 740 mila vaccini, di cui 144 mila terze dosi. Nell’ultima settimana fortunatamente si è registrata un’impennata di prime dosi, con un picco di 5 e 6 mila inoculazioni proprio tra l’11 e 14 gennaio. Ma Schael incalza: “Dobbiamo ancora migliorare, restano circa 13 mila over 50 fuori dalla campagna vaccinale”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

“Lascio la migliore cardiologia della provincia di Chieti. Lo dico perché è vero, e con il conforto dei numeri, che parlano chiaro”. Queste le parole di congedo di Luigi Leonzio, che ha guidato l’Unità operativa per vent’anni, e che questa mattina, dopo il collocamento a riposo, ha formalizzato il passaggio di consegne a Enrico Di Girolamo, insediato da qualche giorno.

Costruire una squadra affiatata all’interno del reparto, fare rete con gli altri ospedali, lavorare in integrazione con il territorio: questi gli intenti espressi da Nanda Furia al primo giorno di lavoro da primario della Cardiologia di Vasto.

L'assessore regionale ha annunciato aggiunge che la Asl ha già avviato diverse procedure di reclutamento, che serviranno a potenziare gli organici.

Si tratta di una malattia virale devastante e altamente contagiosa che colpisce i suini domestici e i cinghiali