Mercoledì 06 Luglio 2022

Sanità

Assistenza sanitaria ai profughi ucraini, accoglienza negli hub vaccinali di Chieti e Lanciano

06/03/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Assistenza sanitaria ai profughi ucraini, accoglienza negli hub vaccinali di Chieti e Lanciano

I punti di accesso primario saranno già da domani, lunedì 7, il Pala Colle dell'Ara a Chieti e il Pala Masciangelo a Lanciano, dove agli ucraini sarà rilasciato il tesserino sanitario provvisorio.

Gli Hub vaccinali di Chieti e Lanciano saranno i punti di riferimento per l'assistenza sanitaria ai profughi ucraini in provincia di Chieti. La Direzione della Asl si è già organizzata per accogliere le persone in fuga dai luoghi di guerra tutelandone la salute.

Pertanto i punti di accesso primario saranno già da domani, lunedì 7, il Pala Colle dell'Ara e il Pala Masciangelo, dove agli ucraini sarà rilasciato il tesserino sanitario provvisorio che permetterà loro di ricevere tutte le prestazioni offerte gratuitamente dal Servizio Sanitario Nazionale, a partire dalla vaccinazione contro il Covid-19, effettuata al momento stesso.

Per gli altri vaccini obbligatori, per adulti e bambini, previsti nel nostro Paese saranno poi si provvederà successivamente in seconda battuta negli ambulatori Asl. "Abbiamo messo in campo questa organizzazione, condivisa con il Prefetto e con i Sindaci di Chieti e Lanciano - sottolinea il Direttore generale della Asl Thomas Schael - che risulta funzionale al flusso di profughi che potrebbero arrivare a breve nel nostro territorio. Le informazioni di cui disponiamo sono limitate, e al momento non sono previsti arrivi in massa, ma siamo pronti a rimodulare la nostra organizzazione per l'assistenza sanitaria qualora le presenze dovessero essere più numerose ".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Obiettivo prevenire situazioni di forte criticità.

L'assessore alla sanità della Regione Abruzzo fa alcune precisazioni dopo aver appreso della protesta del dottor Nando Del Giovane, in sciopero della fame da ieri davanti all’ospedale di Pescara.

Saranno posizionate ambulanze con infermiere di area critica per prestare soccorso qualificato in regime di urgenza. Per l’assistenza sanitaria di base, invece, i turisti potranno rivolgersi a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta presenti sul territorio.

Il dottore ha guidato l’unità operativa negli ultimi anni ed è stato nominato a seguito di un avviso pubblico bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.