Domenica 25 Settembre 2022

Sanità

A Chieti in funzione il Robot da Vinci per interventi mini invasivi in oncologia

10/08/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
A Chieti in funzione il Robot da Vinci per interventi mini invasivi in oncologia

Un'arma in più contro i tumori, un modello di robot più evoluto e sofisticato nel campo della chirurgia mini invasiva utilizzato prevalentemente in campo urologico

Altissima precisione nell'esecuzione dell'intervento, degenza post operatoria più breve e con minore sofferenza: sono le caratteristiche che rendono il Robot Chirurgico Da Vinci Xi un gioiello tecnologico che vale un plus per il Policlinico di Chieti. La sofisticata attrezzatura è in funzione da alcune settimane, e viene utilizzata prevalentemente in campo urologico, anche se ha una vocazione multidisciplinare.

Ad illustrarne le caratteristiche è Luigi Schips, direttore della Clinica Urologica e Professore ordinario di Urologia all’Università d'Annunzio: “Utilizziamo il robot da tempo, e la nostra casistica è entrata nella produzione scientifica internazionale - spiega -. Quello acquisito in queste settimane è l’ultimo nato, il modello più evoluto e sofisticato nel campo della chirurgia mini invasiva, in cui il movimento delle mani del chirurgo, attraverso una consolle, viene trasformato in impulsi che vengono trasferiti alle braccia robotiche. Il sistema computerizzato consente di operare con piccole incisioni e offre maggiore precisione nella procedura di demolizione, soprattutto in caso di patologia oncologica, facilità di visualizzazione dei reperti anatomici e una ripresa più rapida. E’ una tecnologia preziosa per la nostra attività, in gran parte dedicata alle patologie oncologiche di prostata, rene e vescica, che ci impegnano nella ricerca di sempre nuovi approcci, sia chirurgici che farmacologici”.

Attualmente sono in corso ben 4 studi clinici randomizzati internazionali incentrati sullo studio di nuove soluzioni terapeutiche per i pazienti affetti da carcinomi del distretto genito urinario; a tale ricerca la Clinica Urologica offre un contributo importante in termini di arruolamento di pazienti. Solo nei primi 6 mesi di quest'anno 67 pazienti sono stati operati di prostatectomia radicale con approccio robotico, 56 pazienti sottoposti a nefrectomia parziale o radicale per tumori del rene e 246 pazienti con carcinoma della vescica hanno ricevuto un trattamento chirurgico endoscopico, mentre per altri 21 si è reso necessario un intervento radicale di cistectomia. Restano comunque in attesa di intervento altri 400 pazienti circa, la metà dei quali candidata a essere trattata con il robot. Numeri che dimostrano la vocazione oncologica dell’Urologia di Chieti, dove oggi sono seguiti e trattati con terapie all’avanguardia, in regime ambulatoriale, circa 50 pazienti con carcinoma prostatico metastatico. Nel luogo in cui si formano i medici del futuro, innovazione e casistica fanno la differenza, e consentono di dare un forte impulso alla ricerca universitaria, alla quale lo stesso Schips ha contribuito con più di 200 pubblicazioni su riviste internazionali. E proprio al fine di incentivare adeguatamente la formazione, la strategia aziendale disegnata dal Direttore Thomas Schael prevede l’attivazione di sale chirurgiche robotizzate e dotate dei sistemi più avanzati sotto il profilo tecnologico. Il Robot, le cui caratteristiche sono state illustrate oggi ai rappresentanti delle istituzioni e alla stampa, è stato acquisito con contratto di noleggio per 5 anni con un investimento di 10 milioni euro. Alll’ospedale di Chieti sono state appena destinate anche altre attrezzature, attese da tempo, come due ecotomografici, uno per Emodinamica e l’altro per la Ginecologia, e il portatile per radioscopia Arco C per la chirurgia vascolare.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratta della XII edizione di “Aggiornamenti in Nefrologia Clinica” organizzata dall’unità operativa complessa di Nefrologia e Dialisi della Asl di Teramo rivolta a medici nefrologi, internisti e medici di medicina generale.

Commissione sanità "Abbiamo confermato l’hub perché centrale e riconoscibile sul territorio"

Quasi 200 i professionisti stabilizzati con il precedente bando estivo, risultano essere ancora un centinaio quelli che ne avrebbero diritto.

La Radioterapia di Chieti raddoppia con il nuovo acceleratore lineare Elekta Versa Hd, che rappresenta la più evoluta tecnologia nel campo della radioterapia oncologica.