Lunedì 16 Settembre 2019

Politica

Sviluppo sostenibile, presentato progetto B-Planet

06/09/2018 - Redazione AbruzzoinVideo

Una serie di incontri promossi da Gianluca Ranieri il cui obiettivo è "la definizione di strategie di sviluppo a sostenibilità molto forte, per l'incremento e sviluppo del Capitale Naturale attraverso l'applicazione di modelli economici alternativi". Si tratta di "B-Planet, un progetto integrato, che sarà presentato in tanti comuni abruzzesi a patire da sabato, 8 settembre con l'incontro che si terrà a Sulmona" e che questa mattina è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa a Pescara. "Lo sviluppo economico - ha spiegato il Consigliere del M5s - oggi, non può prescindere dal confronto con l'ambiente, con le risorse disponibili e con il territorio: deve includere tutti e creare benefici per tutti. B-Planet è un piano B ma anche un pianeta B, un modo diverso di vedere, analizzare e sviluppare le risorse. Vogliamo creare una comunità di persone interessate all'elaborazione di nuove idee, attraverso uno strumento di disseminazione della conoscenza e di dibattito - ha concluso Ranieri - in grado di analizzare i problemi complessi posti dall'obiettivo ed elaborare soluzioni concrete da applicare al territorio".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Gianluca Castaldi M5s è il neo sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento. Delusione nel Partito Democratico

Si è riunito il tavolo tecnico-politico convocato congiuntamente dalla Regione Abruzzo e dalla Regione Molise per analizzare le problematiche degli operai pendolari molisani ed abruzzesi operanti nella Val di Sangro e trovare soluzioni efficaci e percorribili.

"La Regione Abruzzo deve intervenire quanto prima su Fosso Grande e occuparsi della sua manutenzione ordinaria, per evitare che, con l'arrivo della stagione invernale, le famiglie che abitano vicino al fiume Pescara possano subire danni alle loro abitazioni e alle loro attività".

Trasloco Centro Anziani Lanciano interviene Graziella Di Campli (Fi), atteggiamento Giunta Pupillo deplorevole e superficiale in danno fasce più deboli