Venerdì 18 Ottobre 2019

Politica

Silvio Paolucci (Pd): "Sì alla commissione sui conti Tua"

06/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Silvio Paolucci (Pd): "Sì alla commissione sui conti Tua"

Gruppo PD favorevole all'istituzione di una Commissione d'inchiesta sulla situazione economica di TUA, invocata a mezzo stampa dall'attuale vertice dell'azienda

"Trovo tuttavia alquanto singolare che sia un presidente pagato dagli abruzzesi a invocarne l'istituzione – così il capogruppo Silvio Paolucci - Per avere un quadro preciso della situazione sarebbe infatti bastato che Giuliante svolgesse semplicemente il proprio compito, attingendo, appena designato, informazioni all'interno, magari dall'attuale direttore generale, Max Di Pasquale, che è stato responsabile dei conti e del bilancio di Tua dalla fusione ad oggi, anziché accendere i fari a mezzo stampa sui conti sull'azienda che dirige ormai da aprile, perché si trova in uno stato di evidente difficoltà. Se Giuliante pensa che serva addirittura una Commissione di inchiesta per fare luce sui conti di Tua, mi chiedo come mai abbia promosso a direttore regionale proprio chi ne ha predisposto i conti in tutti questi anni, da dirigente al bilancio, programmazione e finanze. Vero è che tale iniziativa, oltre ad essere un vero e proprio autogol perché significa ammettere l'incapacità di essere governance di questo delicato settore, suona un po' come il goffo tentativo del presidente di scrollarsi di dosso i problemi, gettando la palla fuori dal campo e le responsabilità su terzi. Ben venga, dunque, la commissione, siamo pronti. Di Pasquale sarà convocato in seduta permanente e gli chiederemo se i bilanci che ha predisposto sono veri o falsi. Era proprio Di Pasquale che mostrava e rappresentava i recuperi di efficienza ed economicità della gestione Tua, a partire dai quelli fatti con l'internalizzazione delle officine, nonché il nuovo corso sulle assicurazioni, sui rifornimenti, sul lavoro con il nuovo contratto di secondo livello. Venga a spiegarci, Di Pasquale, se mentiva. Ma il presidente sappia che quando verrà convocata la Commissione, ne approfitteremo, andremo più a fondo, perché partiremo dall'analisi dei conti pre-fusione, con i 35 milioni di debito Arpa, le sedi acquistate, gli autobus acquistati senza copertura. Nel frattempo, però, assolva al compito per cui viene retribuito dalla comunità: dare servizi efficienti ed efficaci a studenti e lavoratori pendolari, stare vicino a tutta l'utenza, un impegno che non lo vede in trincea al momento, viste le decine di segnalazioni di disservizi che arrivano dai passeggeri".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

“Il Tribunale di Lanciano deve rimanere a pieno titolo, come fatto fino ad ora, nella partita di deroga alla chiusura dei presidi della giustizia sui territori. Lo dobbiamo fare insieme a Vasto, portando avanti il progetto di specializzazione dei presidi, lo dobbiamo fare nella intesa tra le avvocature e tra le amministrazioni comunali”

“La battaglia per salvare il tribunale di Lanciano si deve muovere sul piano tecnico e su quello politico, non basta dire laconicamente che c’è un progetto per un tribunale unico di Lanciano e Vasto dislocato nei due territori, bisogna andare preparati il prossimo 21 ottobre all’incontro con la commissione ministeriale, ma questa amministrazione ancora una volta dà dimostrazione di approfondire poco e malamente il problema e di non avere una visione univoca interna”.

"Abbiamo assistito a una vera e propria gara tra Lega e Fratelli d'Italia a chi manifestava il voto più di estrema destra oggi in Consiglio regionale, spacciandolo per attenzione alle norme di sicurezza", così il Capogruppo Silvio Paolucci e i Consiglieri del Gruppo Pd Antonio Blasioli e Dino Pepe, sull'approvazione delle modifiche alla legge regionale n.96/1996 che regola la gestione e l'assegnazione delle case popolari in Abruzzo.

E' stata approvata a maggioranza la legge di iniziativa della giunta regionale che modifica le norme per l'assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni di locazione.