Mercoledì 07 Dicembre 2022

Politica

San Salvo, il centrodestra candida a sindaco Emanuela De Nicolis

18/01/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
San Salvo, il centrodestra candida a sindaco Emanuela De Nicolis

Sarà Emanuela De Nicolis la candidata sindaco del centrodestra per le prossime amministrative a San Salvo.

"Lo abbiamo deciso insieme, - dichiarano le LISTE CONSILIARI, San Salvo Città Nuova, Lista Popolare e Per San Salvo, in una nota - partendo dal sindaco Tiziana Magnacca e dal presidente del Consiglio Eugenio Spadano, con i consiglieri e gli assessori comunali, attraverso l’espressione quanto mai democratica del voto.

Una scelta condivisa, che consentirà al centrodestra di ripresentarsi agli elettori ancora più forte, alla ricerca del consenso in maniera unitaria, con idee e programmi concreti, per proseguire nel lavoro svolto in questi dieci anni.

Abbiamo ancora grandi progetti da realizzare assieme per continuare nella crescita della nostra città, seppur consapevoli che tutto è reso più complicato dall’emergenza pandemica, che continua a segnare le nostre vite.

Ma insieme ce la faremo, con lo sguardo rivolto al futuro, con Emanuela De Nicolis sindaco.

Ed ora tutti al lavoro, insieme per il bene di San Salvo"

 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'assessore regionale ai Rifiuti e all'Energia: Risultato del grandissimo lavoro svolto dal territorio, dai Sindaci, dai responsabili delle Società e dagli Uffici della Regione

lL Deputato di FdI "Meloni ha fatto salire la Borsa e scendere lo spread, ha rafforzato la fiducia nell’Italia a livello internazionale",

Tra i segnali poco confortanti arrivati da Salvini nella prima audizione da ministro delle Infrastrutture c’è la sua perplessità sul potenziamento della linea ferroviaria Roma-Pescara.

Marsilio: “Le azioni programmate nel PR FSE Plus 21-27 poggiano su politiche inclusive ed hanno come obiettivo il benessere degli individui, lo sviluppo sostenibile del territorio e il progresso sociale. Particolare attenzione, poi, è stata rivolta alle fragilità e agli squilibri territoriali presenti nella nostra regione”.